Subscribe via RSS Feed

E’ l’unica Cattedrale al mondo, ridotta così

Non aggiungeremo molto a quanto dice il video che pubblichiamo qui. Una cosa però la vogliamo dire: abbiamo pubblicato qualche giorno fa un video sulla situazione nella piazza antistante la Cattedrale della città, pubblichiamo ora un video sulla situazione della piazza retrostante. Non fatichiamo a dire che una situazione del genere -la cattedrale di una capitale europea completamente divorata da mille tipi, uno peggio dell’altro, di degrado urbano- sarebbe oggetto dell’attenzione in qualsiasi altro paese occidentale delle attenzioni dei telegiornali nazionali. Qui, invece, è tutto terribilmente normale. Così terribilmente normale che ti autoconvinci che non cambierà mai.

E’ vero: all’estero nessuno avrebbe questi comportamenti totalmente incivili; è vero all’estero ci sarebbe una sollevazione intellettuale e civica; all’estero ci sarebbero controlli e tante tante sanzioni e multe. Ma è anche vero che umiliare in questo modo una chiesa in Austria o in Spagna, ma financo in Francia o in Inghilterra, avrebbe significato subire la dura reazione della chiesa stessa. Che qui invece tace. E, forse, parcheggia pure.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Habemus says:

    Questo è il concetto che ha Alemanno di “isola pedonale”. Vedere per credere tutte le piazze del centro storico.

  2. franco says:

    Ma Alemanno esprime concetti? Questa mi giunge nuova!

  3. Vuoi sapere la cosa comica di questi parcheggi selvaggi? Che quando escono dall’area pedonale arrivano a velocità sparata, ti vengono quasi addosso come se reclamassero pure la precedenza perché vengono da destra!

  4. Anonymous says:

    Però effettivamente a fianco del cartello di area pedonale c’è quel “eccetto” che può trarre in inganno…e si sa che i romani sono un popolo di “indiani”

  5. Anonymous says:

    faccio un piccolo OT..nel blog si fustigano giustamente le mille e una bestialità che si trovano in giro per il Rione. A mio avviso però manca – o me la sono persa io – un’analisi di quella che considero forse la situazione più incredibile: le condizioni in cui versa via Cavour.

    via Cavour fa praticamente pena da cima a fondo. I marciapiedi in cemento e pieni di buche, specialmente verso i Fori, stonerebbero a Ostia. La vasta maggioranza degli edifici che si affacciano sulla via (molti di pregio) sono neri di smog e apparentemente non sono stati ritinteggiati da almeno una cinquantina d’anni.

    Infine, presenza di cassonetti puzzolenti ovunque e assenza di alberi.

    Onestamente e in tutta umiltà mi chiedo come un boulevard che congiunge i Fori Imperiali con la principale stazione della città possa essere, nel silenzio e nell’accettazione di tutti, ridotto in questa maniera.

  6. Altrimenti dove le fai passare i cortei che attanagliano la città (con crisi e senza crisi, con quello e quell’altro governo, per occupazioni studentesche, per quello o quell’altro sindacato, etc.)? Mica vorrai mettere un bello square alberato centrale ed eliminare la sosta al lato? Ma che sei matto? :)

  7. Anonymous says:

    Questo è una situazione disgraziata supervisionata dai vigili, sempre presenti.
    Una bella indagine sui vigili del I e del IX municipio.

  8. Sì, sono d’accordo. S’indaghi sui vigili che presidiano la piazza. Loro dicono di fare multe…Ma io ci credo poco.

Inserisci un commento



(facoltativo)