Subscribe via RSS Feed

La nuova Confcommercio. Per la serie “aridatece Pambianchi”

La nuova giunta di Confcommercio Roma è pronta. Il vicepresidente -per giunta vicario- è il capo degli ambulanti. Grande nemico dei farmer’s market e grande difensore dei mercati rionali dove occorre mantenere quella (“sana confusione“, cit.) che è stata eliminata in nuovi pleatici come quello Trionfale. “Un errore da non ripetere” secondo appunto il presidente dell’Upvad Franco Gioacchini che non può tollerare che un mercato abbia un aspetto decoroso, igienico, ordinato. Non sappiamo se Gioacchini tuteli solo gli interessi dei mercati rionali o anche delle bancarelle (a Roma ve ne sono tante quanto in tutto il resto dell’Europa messo insieme e moltiplicato cinque). Nel caso sarebbe veramente un paradosso: le bancarelle sono le prime colpevoli del declino inarrestabile delle aree commerciali romane, del decrescere della qualità, dello scadere del pubblico e dei clienti. Strade, anche molto eleganti, sono completamente sfigurate da questi catafalchi piedi di stracci, plaid cinesi, pentolame, calsini made in cambodgia. Sarebbe buffissimo che Confcommercio avesse come dirigente il capo di quelle entità che di fatto condannano ad un perenne pauperismo e ad uno sviluppo impossibile (chi viene dall’estero ad investire su sta porcheria, suvvia) del commercio romano.
In questo caso i soci -paganti!- di Confcommercio dovrebbero farsi qualche domanda…

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (1)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Caterpillar says:

    Basti pensare allo schifo che è diventato Via Appia Nuova, locandine, adesivi, cartelloni abusivi e quella cazzo di doppia fila perenne davanti al mc donald.

Inserisci un commento



(facoltativo)