Subscribe via RSS Feed

Pagare una pazzesca tariffa rifiuti e non avere servizi a causa dei soliti prepotenti

Cosa può ancora accadere in una strada devastata e massacrata come via Emanuele Filiberto? Qui lo svuotamento dei cassonetti non è più un normale servizio, ma una grazia che viene negata o accordata di volta in volta ai mezzi dell’AMA a seconda degli umori degli automobilisti che sostano abusivamente davanti ai cassonetti.
A volte, dopo una serie di strombazzamenti che sembrano infiniti, stancamente un signore si dirige verso l’auto, piuttosto seccato per aver dovuto interrompere il rito dell’aperitivo. Molto spesso, ma sempre dopo l’ormai consueto concerto si trombe, l’autista prosegue oltre, tralasciando di svuotare il cassonetto (che il giorno dopo sarà strapieno di immondizia).

*Ringraziamo il Comitato Via Emanuele Filiberto per le foto. E aggiungiamo una postilla. Quello che bisognerebbe fare è dare il potere alle società municipalizzate (l’Ama, ma soprattutto l’Atac) di monitorizzare le loro aree di competenza -corsie preferenziali, cassonetti- e fare da accertatori per le infrazioni. Che poi saranno confermate e comminate dalla polizia municipale. Così facendo ogni giorno Ama e Atac potrebbero annotare, filmare, fotografare centinaia di infrazioni. Non è una utopia, è quello che succede in moltissime città. Anche in Italia peraltro.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Comitato Via Emanuele Filiberto says:

    Solo una precisazione. Si è scelto di inviare foto non recentissime solo per evitare problemi con le persone che, anche in questi giorni (le foto ci sono!), continuano a impedire il normale svolgimento del servizio da parte dell’AMA, arrecando un danno a tutti i residenti. Questo per poter svolgere serenamente il nostro lavoro di denuncia e di proposta per il ripristino della legalità e del decoro.

  2. Marina says:

    Ma scusate se vi faccio una domanda banale: ma non esiste a Roma la rimozione forzata? Nella mia città e parlo della Sicilia, quindi “profondo sud” una cosa del genere sarebbe inconcepibile perché dopo cinque minuti arriva il carro attrezzi (…terrore di noi automobilisti insieme agli ausiliari del traffico!) chiamato dall’AMIA ( nel vostro caso AMA) “felicissimo” di portarsi via l’auto che poi bisogna andare a riprendersi dopo aver pagato pure una bella multa di 75€! In realtà quando vengo a Roma (e vengo spesso) e bazzico in questa zona dove ho una casa, non mai visto un carro attrezzi portarsi via un’ auto, beati voi.

  3. Caterpillar says:

    Ahah sembrano delle cartine geografiche quei secchioni a causa di tutti gli adesivi

  4. Livia says:

    Marina, avevo letto non ricordo dove che non ci sono più fondi per il servizio di rimozione… bisognerebbe semmai corazzare il muso dei mezzi dell’AMA tipo Hummer così potrebbero spazzare via le macchine!!!!

  5. Fabrizio Vienna says:

    Il servizio di rimozione non dovrebbe essere finanziato dalla multa stessa?

  6. Riccardo says:

    Sono d’accordo con Marina,la rimozione forzata è l’unica soluzione,le multe spesso non vengono pagate grazie a qualche “amicizia importante”.
    Certo,a Roma, non basterebbero 10 carri attrezzi e un deposito per ogni quartiere. L’interruzione/intralcio di un pubblico servizio viene sanzionata con 150 euro,spiccioli per possessori di suv.

  7. max44 says:

    Diamo agli autisti dell’AMA e dell’Atac la possibilità di sanzionare in qualche modo la sosta selvaggia(senza fargli perdere tempo)oggi gli strumenti tecnici ci sono(telecamerine),sarebbe un successo io li vedo (e sento) continuamente sono inc…più di noi,ma non facciamoci illusioni qualcuno la sosta selvaggia la vuole perchè è essenziale per l’economia del degrado.

  8. nokia1 says:

    Quoto Max 44, a qcuno fa comodo la sosta davanti ai cassonetti, o in doppia o tripla fila, ma anche alle fermate dei bus: i commercianti ?
    Credo basti una telecamera, ed elevare tipo 80 Euri di multa, così la finirebbero

  9. Max Whitehand says:

    X Comitato Via Emanuele Filiberto

    Scusate, che significa “per evitare problemi con le persone continuano a impedire il normale svolgimento del servizio da parte dell’AMA”
    Non siete in grado di fare denunce ? E che problemi vi possono dare ? fate una denuncia e poi qualsiase ritorsione possiate ricevere (ma seite un comitato ?) la denunciate in appendice alla prima.

  10. Mohammedroma says:

    Oggi pomeriggio vado a fare un giretto in zona Esquilino, dove abito, a fotografare cassonetti e cassette della posta imbrattate dagli adesivi, poi mi appunto l’indirizzo ed il numero civico ed alla fine carico le foto(corredate dagli indirizzi) su http://www.imageshack.us e mando tutto a picsdecoro@libero.it .

  11. Mohammedroma says:

    Come avevo detto in precedenza, ho fatto la mia passeggiatina anti-degrado e ho fatto numerose foto, ho strappato un adesivo che mi sembra “nuovo”(l’ho trovato in Via Galilei, la patria degli adesivi):
    http://imageshack.us/photo/my-images/855/serrandeprontointervent.jpg/
    Entro stasera ti mando tutte le foto che ho fatto con la Via ed il numero civico(ne mando copia anche al PD Esquilino, ad Esquilino Notizie ed ovviamente a picsdecoro@libero.it)

    Ciao e complimenti per il tuo lavoro

Inserisci un commento



(facoltativo)