Subscribe via RSS Feed

La passeggiata di Davide

L’altro giorno ho fatto una passeggiata e ho fotografato queste scene di degrado. E naturalmente ho chiamato i Pics (picsdecoro@libero.it). Per ingrandire le foto, cliccateci sopra.
Davide Santoro



























Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (7)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Stamattina i PICS erano a via Casilina, di fronte al civico 164, e stavano riverniciando e pulendo tutti i muri dai graffiti e dalle tags!

  2. Anonymous says:

    Tanto purtroppo finchè non si impedisce ai bimbiminkia di comprarsi bombolette a piacimento a 3 Euro l’una il problema non sarà mai risolto…hai voglia a riverniciare in eterno!

    Mc Daemon

  3. Riccardo says:

    pure i bengalesi ci pigliano per culo…

  4. franci says:

    domenica mattina ho fatto “una passeggiata” in piazza san giovanni, via merulana, via labicana e dintorni.
    e ho fatto un po’ di foto quà e là.
    premesso che la piazza era stata per lo più pulita del grosso nella notte, la considerazione più amara è stata che i danni dei ribelli non erano così impressionanti.

    non mi hanno fatto granchè effetto perchè qualche vetrina rotta, qualche macchina e cassonetto incendiati, qualche palo, cartello, cestino divelto, qualche carta, bottiglia, lattina rimasta a terra, non facevano altro che adattarsi ai marciapiedi rotti e rabberciati, alla segnaletica disordinata, ai cantieri aperti, al caos solito generale.

    c’era solo qualche oggetto disastrato in più del solito.
    sono tornata a casa davvero depressa

  5. Anonymous says:

    ah,ah ah nemmeno i blalc block hano fatto notare la differenza, pensa un po come stiamo messi e pure una cosa buona l’hanno fata hanno tolto le impalcature al palazzo vergongna del comune via merulana ang.labicana, quello che da millennni ci dicono diventerà un albergo,qundi non tutto il male viene x nuocere

  6. Fabrizio Vienna says:

    Veramente Interessante il commento di franci.
    La devastazione dei black block si mimetizza bene nel contesto urbano di Roma, tanto da non lasciare di fatto un segno evidente e tantomeno scioccante.

    Effettivamente per lasciare un segno evidente e scioccante dovrebbero fare esattamante l’opposto (pulire i cassoni, eliminare tag/graffiti e magari dare una pulita per terra) allora si che la gente noterebbe il loro passaggio….e magari si indigna pure…

  7. Anonymous says:

    Va bè, ma se invece di scrivere e basta cominciassimo a chiamare la polizia e a pretendere il rispetto delle regole? Se cominciassimoa pretendere che non si facciano schifezze sotto il nostro naso?

Inserisci un commento



(facoltativo)