Subscribe via RSS Feed

Il grande imbroglio dei nuovi e dei vecchi tram

La cosa grave non è che annuncino un prolungamento di linee di tram di una manciata di metri da Largo Argentina a Piazza Venezia, la cosa grave è che dopo la promessa di fare partire i cantieri in estate siamo a fine ottobre e non se ne parla neppure. La cosa grave non è che il tram 3 sia assente da 6 anni buoni, ma che dopo le promesse di ripristino immediatamente dopo l’estate, non se ne veda neppure l’ombra. La cosa grave non è che in tre anni di amministrazione la Giunta Bordoni non abbia messo in progetto un solo chilometro in più di linee su ferro (semmai hanno tentato goffamente di portare avanti ciò che era stato progettato da altri, affossando anzi cose importanti e cruciali come la metro D), la cosa grave è che no se ne siano ancora andati a casa cacciati, qui si che ci vorrebbe, da una mega manifestazione di indignazione.

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (12)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Sono quindi sei anni che i binari tra porta maggiore e portaportese sono diventati “il più lungo binario di servizio del mondo”, cioè una linea quasi completamente efficiente usata soltanto per far tornare i tram dell’8 al deposito di via Prenestina ! Sembrerebbe che, secondo municipale e atac, la linea 3 servita da tram possa interferire col traffico privato, ma che scherziamo? ARIDATECE ER 3 (EX 30, EX-EX CIRCOLARE ESTERNA SINISTRA) !!!!!!!

  2. MORANTIS71 says:

    io aggiungerei solo per far transitare i treni ristorante per turisti di atac: che voglio dire…. ben vengano per aumentare la qualità del servizio turistico … ma i romani se la devono prendere sempre lì?

  3. Fumo says:

    Se il 3 deve tornare, voglio un sistema semaforico che gli dia le necessarie precedenze, perchè è una linea troppo lenta.
    Le tecniche ci sono e sono utilizzate in tutte le città del mondo, Italia compresa.

  4. dionisio says:

    non prendiamoci per il deretano, il 3 non ci potrà mai passare e mai passerà… c’è un motivo se lo hanno sostituito con i bus !
    tutta la zona piazza vittorio-merulana-principe-manzoni è costruita su ben 7 stratificazioni romane che rischiano di crollare… ci sono 40 metri di reperti archeologici e lo stesso viale manzoni ne è la prova: il manto appena rifatto è pieno di avvallamenti… il tram venne soppresso perchè causava gravi cedimenti alle strutture delle case vicine.. mi hanno raccontato che quando passava vibrava tutto e molti palazzi hanno delle gravi crepe strutturali.. basti pensare che anni di tram a piazza vittorio hanno letteralmente disintegrato il palazzo antecedente all’attuale ente prevenzione medici che è stato costruito in acciaio appunto per evitare il crollo e renderlo più elastico… sotto quelle zone si estendono chilometri e chilometri di mura, volte e corridoi antichi romani e medioevali… basta scavare di 10 metri per ritrovare mosaici antichi come è già successo con la costruzione del palazzo che ospida l’attuale museo di via tasso…
    morale della storia: o collassa il quartiere o si fa passare il 3!

  5. Belisario says:

    Una serie di stronzate grosse quanto le tue non le ho mai sentite !!! Il 3 era stato interrotto per permettere i cantieri Amla, non c’è mai stato nessun pericolo di crolli, o quantomeno non è stata questa la motivazione…

  6. Giovanni P says:

    @Dioniso: complimenti per le idiozie dette. In un quartiere dove passa la metro (da 30 anni), dove passa il tram (da 110 anni), dove passano macchine, bus, camion,… il tram numero 3 (che passava ogni 10 minuti!) è la causa di tutti i mali?

  7. UTP Roma says:

    I problemi sollevati da quell’individuo riguardavano Piazza Vittorio e non il percorso del 3, e furono risolti già 15 anni fa eliminando la rotatoria e ripristinando il doppio binario su un solo lato della piazza. Nel frattempo i palazzi sono stati consolidati, per cui il rischio non esiste più da almeno un decennio.
    E poi è notorio che gli autobus fanno molte più vibrazioni dei tram, quindi dovrebbero togliere pure quelli!!!
    E la metropolitana sotto non la consideriamo? quella non fa vibrazioni?
    Quindi non diciamo fesserie.

  8. dionisio says:

    anche la metro fa danni, vi assicuro che dove abito io quando passa vibra tutto… vedrete che dopo due anni appena passerà il 3 inizieranno i casini… credete ancora alla favoletta dei cantieri ? è solo un scusa perchè sarebbe stato molto più conveniente fare passare il tram anzichè il bus sulla linea del 3 ….

  9. Anonymous says:

    il tram va bene però andebbero fatti dei correttivi come ad esempio pedonalizzare tutto il percorso che va da porta maggiore fino a porta portese (si le due porte , si potrebbe utilizzare qualche nome ad effetto tipo “le due porte nel verde” oppure ” il tram tra due porte ” ecc ).

  10. PippoMarraÈDaaLazie says:

    La linea 3 deve tornare ad essere servita dai tram, punto. E l’ 8 non basta portarlo fino a P.zza Venezia ma deve arrivare a Termini passando per via Nazionale.

  11. marco says:

    ma uno scandalo di immani proporzioni sulla municipale, ma uno vero di dimensioni tali da equiparare e condannare lo schifo che con atteggiamento malavitoso la nostra polizia municipale porta avanti da anni a Roma. Ma quando?

  12. marco says:

    Fumo bellissima la tua proposta ma aimè non abbiamo ancora bene idea dei soggetti con cui ci andiamo a confrontare. La municipale romana è indegnamente pro gomma oltre a essere pro doppia fila anti pedonalizzazioni ecc. Parlare di onda verde con certa gente è parlare arabo. Questo per un semplice motivo la regola delle municipalizzate è anzi sono due: uno prendersi la minor responsabilità possibile, due lavorare il meno possibile. Questo vale per tutte loro. Da quando è arrivato questo sindachetto inesistente loro hanno avuto mano libera e ci ritroviamo in questa città lacerata dal traffico e devastata dal degrado perchè il tizio in questione sguazza in questo stato di cose. Bisogna cacciarli via a calci nel di dietro e mai più permettere che Roma subisca tanto negli anni futuri.

Inserisci un commento



(facoltativo)