Subscribe via RSS Feed

Il Pasticciaccio continua a fare pasticci. Gli chiediamo il perché

Che rabbia ragazzi. E’ sempre la stessa storia. Commercianti che utilizzano l’esterno del loro negozio come se fosse roba loro, come se il suolo pubblico fosse di loro proprietà privata. E non parliamo banalmente del marciapiede, ma addirittura della carreggiata. Il bar Il Pasticciaccio, tra Via dello Statuto e Via Merulana, è specializzato in questa attività. Proveniendo da Via Lanza ad un certo punto la strada si restringe drammaticamente ad una sola corsia perché le vetture dei dipendenti del bar sono sistematicamente posteggiate in divieto su Via dello Statuto, un pericolo notevole per tutti che speriamo si possa risolvere riqualificando la strada con i fondi che sono in fase di stanziamento. Sui Vigili Urbani, infatti, non c’è speranza. O non vogliono o non possono intervenire, anche perché gli autori dell’illecito sono lì, a cinque metri, e anche se vi fosse un poliziotto municipale di buona volontà, sarebbero pronti a scattare fuori per fermarlo con le solite scuse che tutti i commercianti di Roma utilizzano (“nun dà fastidio a nisuno”; “me sposto subbbito”; “aho ma io attacco alle 6, ma come vengo?”; “lei cia’ raggione, ma io ndo la metto? Se ogni giorno pago quattro euri de striscia blu vado fallito” e così via… Ovvio che venire in metropolitana, in treno, un tram, in bus –siamo nella zona più collegata di Roma- non è per loro cosa pensabile).

Oltre che il quotidiano massacro, dileggio e stupro di Via dello Statuto, i dipendenti del Pasticciaccio ogni tanto prendono di mira anche l’ancor più delicata, stretta, trafficata Via Merulana. Qui l’intralcio e il pericolo (di vita!) per chi sopraggiunge è ancor maggiore, la vettura –come vedete dalla foto- occupa esattamente metà della carreggiata determinando una strettoia micidiale che nella migliore delle ipotesi crea traffico e congestione; nella peggiore incidenti più o meno gravi, stress, litigi… Come vedete, non si tratta di un nostro pregiudizio, ma il proprietario della vettura in sosta selvatica si auto-dichiara tranquillamente con un bel bigliettino che nulla può cambiare nella sostanza rispetto a chi passando qui rischia la vita o viene costretto a pericolosissime manovre: “Lavoro al Pasticciaccio”. Più chiaro di così. Il messaggio, tra l’altro, non sembra di certo essere per le vetture bloccate (l’auto in divieto non blocca nessuno essendo posizionata oltre il dehor del bar), ne –come abbiamo visto- può servire ad alcunché per gli utenti della strada. Dunque, pensiamo noi, potrebbe essere un banale messaggio ai Vigili Urbani che, come da loro mestiere, una vettura del genere dovrebbero non solo sanzionarla, ma rimuoverla. Un messaggio che suonerebbe tipo: “lavoro al Pasticciaccio, dunque non mi multare”.

Fa rabbia vedere che degli esercenti si divertano a rendere più degradata e squalificata la stessa zona dove loro operano. Dovrebbe essere il loro massimo interesse mantenere decorose, entro le regole, sicure le strade –tra l’altro tutte importanti- che circondano il loro locale. E invece… E invece piazzano una vettura in mezzo alla pubblica via bloccando il traffico e creando caos (clacson, scappamenti) che andranno a subire proprio i loro avventori, specie quelli seduti ai tavolini –e dunque ben paganti- all’esterno. E’ un malcostume che non ci si crede, non è un caso che esista solo a Roma!

Sappiamo che gli “amici” del Pasticciaccio –come molti esercenti del Rione- ci seguono. Gli chiediamo di intervenire qui e di spiegarci quale mentalità sta alla base di comportamenti che per noi sono così incivili e assurdi. Senza polemica: spiegateci come vivete e come vedete voi la città. Come fate a lavorare ore e ore con la consapevolezza che le vostre vetture obbligano chi passa su Via dello Statuto ad andare contromano per passare. Come fate a stare sereni sapendo che ogni 10 minuti cento persone rischiano di fare un frontale per colpa vostra. Come fate, invece di ergervi a difensori del territorio dove lavorate, ad essere i primi che contribuiscono al suo degrado. Aoh, magari ci sbagliamo noi…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (13)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Lug says:

    metteteje un altro bigliettino, con scritto … ” e sti cazzi !!!?? “

  2. Alessandro Cosimetti says:

    Accade con ogni ristorante e bar della città. A Testaccio è la stessa cosa. Ne ho parlato anche con l’Assessore Yuri Trombetti dandogli degli ottimi consigli per riqualificare le strisce blu e l’arredo urbano.

    Per via Alessandro Volta mi aveva detto che era stata accolta la mia richiesta ma dopo 9 mesi nulla è cambiato. Nel frattempo si è sposato e ha fatto il viaggio di nozze. Che dite, posso “disturbarlo” nuovamente?

  3. Roba da matti…Ogni ristorante/bar soffre del medesimo problema. Io ho fatto decine di segnalazioni sui bar/ristoranti/pizzerie intorno la mia abitazione. La polizia di Roma Capitale non credo si sia mai fatta viva!

  4. tan says:

    Via Merulana ha perennemente una doppia fila di macchine in sosta, i vigili passano e non se ne curano. Davanti al Merulana Cafè (via merulana presso piazza san giovanni) ho visto auto in doppia fila DI NOTTE anche nei giorni di agosto in cui la città era semideserta; a 5 (cinque) metri di distanza c’erano molti parcheggi liberi, ma vuoi mettere il piacere di non muovere il culo per chi dalla “provincia” viene in auto al centro di Roma per ubriacarsi?

  5. Federico says:

    Finchè le macchine non saranno rimosse, il Pasticciaccio ha perso un cliente !

  6. tan says:

    tutti i “baracci” di via merulana per me possono pure chiudere… faccio propaganda affinchè familiari, parenti e amici non siano clienti di attività commerciali di questo genere.

  7. Anonymous says:

    fermi tutti, sbaglio o nella foto c’è pure un lavavetri?!
    oltre al fatto di parcheggiare lì, ma possibile che chi ha il bar lì non fa nulla per togliere quel topo di fogna da davanti la propria attività?! cioè è possibile che bisogna abbozzare ed avere quell’essere che gira lì davanti la propria attività?
    sembra proprio che molti romani non capisco quanto il degrado può deprezzare gli immobili (mi riferisco anche ai palazzi pieni di graffiti sulle facciate)

  8. Anonymous says:

    sbaglio o c’è anche un lavavetri nella foto?!

  9. grace says:

    quella è gente che si sente di poter fare tutto, basta vedere la casetta per i tavolini su via merulana di fronte al palazzo storico brancaccio ed a 5 metri dall’angolo della strada, quindi non concedibile e che dire dei sacchi della monnezza con il pergolato che scola che strascinano x tutta la via,per non parlare dell’igiene interna ma la gente si sa ci va e poi anche se on c’andasse quello starebe aperto lo stesso lui può….

  10. Sale says:

    Sì il lavavetri…

    Ahahahah ma vi ricordate Alemanno in campagna elettorale: 20.000 espulsioni… BUUUUM!

    e poi l’ordinanza contro le prostitute e i lavavetri: BUUUUUUUUUUUUUUUM!

    Ahahahahahahahahahah ce ne sono più di prima.

  11. DioMio says:

    Alemanno é come nostro signore Gesu’ Cristo ha la capacità di moltiplicare:
    1) Cartelloni
    2) Bancarelle
    3) lavavetri

    speriamo che faccia come Lazzaro che si alzi e si levi dai coglioni. E che il prossimo non sia un’altro Giuda.

  12. Anonymous says:

    Via Merulana è una strada pericolosissima.
    con lo scooter sopratutto bisogna passare attentissimi perchè le molte macchine in perenne doppia fila restringono la già strettissima carreggiata a doppio senso.
    con tutto ciò ogni volta che si passa ti trovi almeno 2-3 automobilisti che fanno manovre pericolossime, come inversioni o uscite improvvise dalla loro doppia fila che ti fanno rischiare ogni volta l’incidente.
    sarebbe una strda da evitare.
    comunque io qualche settimana fa avevo mandato delle foto al sito che documentano come i dipendenti del ristorante in via principe amedeo (angolo via Manin) utilizzino sistematicamente il marciapiede di fronte al locale per parcheggiare le loro auto. e parlo di parcheggiarle con tutte e 4 le ruote sul marciapiede. una roba dell’altro mondo.
    non capisco come mai non sia stato pubblicato il post.
    ciao

  13. Massimiliano Tonelli says:

    Il tutto mi pare è stato pubblicato giorni fa. Vai a ritroso nei post e dovresti trovare.

Inserisci un commento



(facoltativo)