Subscribe via RSS Feed

I monumenti romani che hanno il culo di non stare a Roma

Invio alcune foto fatte la settimana scorsa, per farvi vedere (con grande ammirazione per loro… ma con grande rabbia per noi) come vengono mantenuti, rispettati e valorizzati alcuni monumenti romani all’estero! Siamo nella Francia del sud e in particolare le prime tre foto riguardano l’acquedotto romano a Pont Du Gard, dove tutt’intorno è stato creato un grande parco fornito di qualsiasi servizio, notate pure l’illuminazione dal basso e la pulizia… Proprio come il nostro acquedotto di Nerone!
Le altre foto riguardano i resti romani a Marsiglia, quattro pietre, tutto sommato, ma guardate come se le tengono care e pulite! E noi con tutto quello che abbiamo… Non ci sono parole, ma come già detto grande rabbia.
Marina

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Luis says:

    Che paragoni del menga. La Francia è un paese civile che ha a cuore le sue bellezze e le ama e all’estero scambiano questo amore per nazionalismo. Perchè un turista viene a Roma? Per ammirare i resti del passato. Come sono tenuti questi resti? Malissimo, nessuna illuminazione , degrado e immondizia ovunque, alcuni puntellati con i tubi innocenti. l’Italia merita di finire nella merda, e già lo è.

  2. Paolo says:

    Si può facilmente fare il confronto con lo spazio intorno al Colosseo con le pietre appena imbrattate dai vandali (sabato notte):

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_agosto_21/scritte-sassi-colosseo-1901333296249.shtml

  3. manuele mariani says:

    mettono sempre una gran tristezza i confronti con i nostri cugini francesi.. nel decoro delle loro città, nel perfetto arredo urbano, nella segnaletica turistico-stradale, nella valorizzazione e promozione dell’anche più insuslso “pezzo di pietra”, ecc ecc
    per esempio a FANO, che è la città italiana con più resti e reperti romani dopo Roma, anche qui non c’è la dovuta valorizzazione, non ci sono cartelli infortmativi in giro, non c’è segnaletica, non ci sono comitive di pullman carichi di turisti che visitano i tanti luoghi augustei o di vitruvio come sarebbe logico che sia.. pensate che non c’è nemmeno un ufficio turistico in centro storico ed un solo piccolo negozietto di souvenirs che ha aperto un mio amico e sempre di sua iniziativa a pensato a stampare e distribuire piantine della città e fornire info ai turisti perché il comune neanche quello fa !! oppure pensate a PESARO, c’è la casa di ROSSINI che è a 20 mt dal municipio e non la trova mai nessuno perchè non è segnalata, non ci sono cartelli per raggiungerla e trascurata all’inverosimile_

Inserisci un commento



(facoltativo)