Subscribe via RSS Feed

Da quanti mesi è lì questa vergogna?

Questo incrocio venne riqualificato, con tanto di importantissima isola spartitraffico centrale, dopo la morte di un bambino. La morte seguiva a molte altre morti che erano state ignorate. Per fortuna ad un certo punto morì un piccolo. Perché deve sempre morire qualcuno di importante o farsi male qualcuno di significativo. Quel bambino non è stato la vittima di un incidente stradale, dunque, è stato un martire in nome del quale altri hanno avuto salva la vita. Ecco perché ci permettiamo di dire che “per fortuna” lui è stato ucciso. Questa è la vera guerra civile che si svolge in questa città, la guerra civile più lunga e colossale che il mondo conosca: da trent’anni i cittadini di una città si uccidono l’un l’altro solo in nome dell’incapacità di lasciare a casa l’automobile o di utilizzarla, giusto quando occorre, in maniera civile.
Solo dopo la morte di un bambino, in questo incrocio, concessero la grazia di fare uno spartitraffico come a Londra, ovviamente, c’è in ogni incrocio. Solo dopo il sacrificio di un innocente concessero la grazia di orecchie pedonalizzate e protette agli angoli, come in tutta Europa c’è in ogni incrocio.
Ora, da alcuni mesi senza che nessuna squadra di banale manutenzione sia transitata, lo spartitraffico, l’isola salvagente, a riprova dell’alto livello di incidentalità della zona, è ridotta così. Ancor più pericolosa di quando non c’era. Lamiere acuminate, pali di metallo sporgenti. E’ l’incrocio di servizio ad una scuola. Quella scuola dove i nostri amministratori, i nostri uffici tecnici, i nostri politici non sono mai stati. Se ci sarà, come ci sarà, un nuovo morto tutti noi ci auguriamo che sia un congiunto di chi doveva intervenire e non è intervenuto.

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Patrizio says:

    Mi sono sempre chiesto, ma dopo un incidente stradale (e nella prima foto deve essere stato per forza un incidente a distruggere il catarifrangente) perchè il comune non chiede i danni al responsabile, in modo da ottenere il risarcimento col quale ripristinare tutto come prima? E se lo fa, perchè non usa i soldi per rimettere in piedi arredo urbano/segnaletica/catarifrangenti? Anche perchè queste isole pedonali in mezzo alla strada in assenza di segnaletica diventano pericolese oltre che per i pedoni (come scritto sull’articolo), anche per moto ed auto. Non avete idea di quante auto ho visto andare sugli spartitraffico a piazza dei Cinquecento quando c’è poca visibilità in caso di pioggia o di mancanza dell’illuminazione.
    Perchè non usano quei catarifrangenti incastonati nell’asfalto o sul ciglio del marciapiede che sono (o almeno sembrano) molto più duraturi e meno pericolosi (meno paletti) e meno soggetti a vandalismo (vedi seconda foto con la monnezza appiccicata sopra)? Oppure ancora meglio (ma sarebbe anche troppo per carità) mettere le lucine intermittenti incastonate nell’asfalto in posti strategici (tipo questo incrocio con scuole nelle vicinanze, ma anche per le fermate bus)? Le usano anche per segnalare il car sharing, non mi sembra una tecnologia così fantascientifica!

  2. Giorgio says:

    Beh, se questo per voi è il degrado, allora capisco perché vedete degrado ovunque… pensiamo ai problemi veri non a queste cose…

  3. Massimo Livadiotti says:

    Il problema di questi segnali è che di notte con i fari delle macchine che vengono in senso opposto praticamente non si vedono! Andrebbero sottolineati con la pittura catarifrangente a zebra sul ciglio dove è collocato il cartello! Altrimenti una volta rimesso il cartello verrà intruppato poco dopo….

  4. Manuele Mariani says:

    non si fanno gli spartitraffico in questo modo. così sono dei salvagente Killer ! se a LONDRA facessero degli spartitraffico così, i progettisti verrebbero licenziati immediatamente ! cmq la mia proposta è la seguente : in attesa della segnaletica vericale nuova (se magari fosse di PLASTICA, catarifrangente anche sul retro e RECLINABILE come nei paesi civili avviene, il problema non si presenterebbe più..) perché non compriamo un barattolo di VERNICE BIANCA e pitturiamo i BORDI/cordoli (che andrebbero smussati ed abbassati oltretutto) ??!

Inserisci un commento



(facoltativo)