Subscribe via RSS Feed

Ma tutta questa violenza che c’è in città…

Tutto questo abisso incredibile di violenza che c’è. Tutti questi omicidi che si susseguono ogni settimana. Tutta questa ferocia inedita e inusitata che è scaturita a causa del malgoverno di questa amministrazione, non potrebbe catalizzarsi contro l’amministrazione stessa? Attenzione non vogliamo dire che ci piacerebbe vedere il sindaco morire dopo tre giorni di agonia dopo essere stato pestato a sangue, non vogliamo dire che l’assessore alla mobilità, colpevole di avere aperto il centro alle auto (cosa che ha moltiplicato il quoziente di violenza nella movida) vada fatto fuori da folle inviperite, vogliamo solo dire che questa cattiveria, questa vergognosa aggressività che si respira e impregna la lurida aria della città potrebbe risolversi almeno non in continui ammazzamenti, ma per lo meno in manifestazioni di piazza. Lunghe e persistenti. Fino a cacciare via gli ignobili amministratori che stanno massacrando quel che resta di Roma.

Share

si parla di:

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (9)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Andrea Rossi says:

    Un post in perfetto stile Tonelli, provocatorio fino all’esagerazione ma che nella sostanza sintetizza perfettamente da una parte l’aggressivita’ che si respira nelle strade di Roma (e non solo Roma) e dall’altra la rassegnazione e l’apatia di troppi cittadini-elettori che hanno smesso da troppi anni di indignarsi e di lottare per migliorare la citta’ in cui vivono.

    Se almeno il 10% dell’aggressivita’ esistente fosse incanalata in maniera civile per pungolare i nostri politicanti allora questa citta’ avrebbe una speranza.

  2. Tergi says:

    Imparare dai cittadini di Parma, che protestano così contro la loro Giunta corrotta:

    http://tv.repubblica.it/edizione/parma/piazza-ancora-proteste-contro-vignali/71651?pagefrom=1

  3. Anonymous says:

    quando le manifestazioni le fanno i no-pup sono un mezzo superato da un secolo….quando le volete voi diventano un moderno sistema di protesta !
    alla faccia della coerenza !

  4. Renato says:

    Per me l’unica vera sorpresa è che episodi di violenza del genere non accadano a decine ogni giorno…

  5. Anonymous says:

    e non credo ci sia sorpresa per chi abita all’esquilino: ieri ore 18 rissa nel parco con intervento della polizia e ambulanza per i feriti; una settimana fa scippo con pestaggio violento nella strada che collega san lorenzo all’esquilino; potrei andare avanti con tutto quello che si vede abitando a piazza vittorio…

  6. Anonymous says:

    pensavo di aver scritto gia un post ma forse sbaglio o non lho mandato a buon fine, ad ogni modo riprovo, solo per dire che il problema non è solo un problema di movida, che ad esempio qui all’esquilino non c’è. basta pensare a una giornata tipo di p vittorio: domenica 3 luglio ore 18 rissa nel parco con intervento di ambulanza ( per i ragazzi con le facce insanguinate) e di polizia andata via in circa 30 secondi. o se no notte tra giovedi e venerdi scors: scippo con pestaggio violento nella strada che va da san lorenzo a piazza vittorio; o ancora gli appuntamenti per l’arrivo dell’eroina a piazza san vito… posso andare avanti?

  7. Anonymous says:

    E’ molto semplice: nel resto del mondo (civilizzato) delle trasgressioni alla legge e alle regole se ne occupa l’ordine pubblico, da noi i trasgressori, i violenti, i delinquenti sanno di avere campo libero, e il supporto di una vasta, finta, opinione pubblica, che sul casino ci mangia; i poveracci che vorrebbero veder rispettati i propri diritti a un certo punto impazziscoo, e si fa passare loro dalla parte del torto.
    Ecco il commento dell’assessore: “Bersi una birra alle due di notte è un diritto”. Ma sì, scriviamolo sulla costituzione, insieme al diritto di scassare la minchia al prossimo tuo.

  8. Michele says:

    x l’ultimo Anonymous: ma va…….o
    ci sono paesini tranquilissimi, dove viverci costa pochissimo e non c’è un’anima la sera, vai lì e non scassare te la minchia

Inserisci un commento



(facoltativo)