Subscribe via RSS Feed

I danni incalcolabili del peggiore corpo di polizia municipale del mondo

Ci sorprendiamo che qualcuno si sorprenda di quanto emerso -solo grazie ad alcuni cambi ai vertici dei Vigili, coadiuvati dalle Iene, non certo dal Sindaco- relativamente al poliziotto municipale che con soli 200 euri a pratica concedeve permessi ztl a chi non se li meritava.
C’è da meravigliarsi? Solo consiglieri comunali, assessori e amministratori fingono di non vedere il grumo immondo e immenso di corruzione che ammanta tutto il corpo di Polizia Municipale. Un gruppo di persone spaventoso, spaventevole, un cancro maligno che ha metastasi in ogni comparto della città. Dal commercio alla mobilità; dall’abusivismo alla permissistica. Se nel mondo dei taxi abbiamo forse un 10% di criminali, nel mondo dei vigili urbani questa percentuale potrebbe impressionare anche i più scafati. Con danni, per la città, incalcolabili. Con una diffusione della corruttela che non ha eguali neppure in Sudamerica.

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Alessandro Cosimetti says:

    Quoto su tutto. Una delle peggiori categorie di lavoratori. Assurdo se pensiamo che certi individui siano stati “selezionati” tramite concorso pubblico (il termine pubblico è una bestemmia).

  2. Massimo Livadiotti says:

    Un verminaio…

  3. Andrea Rossi says:

    D’accordo anch’io, la polizia municipale romana e’ purtroppo un cancro, anzi il cancro principale di Roma.

  4. Livia says:

    E i pochi volonterosi vengono aggrediti…

  5. max44 says:

    I vigili a Roma non godono di grande popolarità è vero,ma quei bravi ed onesti cittadini che,a detta dei giornali,sganciavano gli “euri”,che fine faranno,mi sembra che siano state violate delle leggi?(In quanto ai vigili mi ha sorpreso molto il sondaggio di Romafaschifo,che li ritiene solo marginalmente come problema a Roma)

  6. angelo says:

    non giriamoci attorno. i vigili sono il vero e reale problema di roma. chi vuole provare a salvare roma, deve partire da una serissima riforma della municipale e non cambiarne i vertici o il nome. Polizia Roma Capitale [Sic & Sigh]!

  7. Patrizio says:

    Il mio amico vigile spiegandomi questi fenomeni di corruzione e incancrenimento proponeva una rotazione biennale o annuale dei vigili nei municipi: cioè spostare il pizzardone dal 1° municipio ad esempio al 4°, al 9°, al 18° in modo di non dare tempo a certi elementi di sfruttare la presenza sul territorio per instaurare rapporti di “amicizia” duraturi con le mafiette sul territorio. Che ne pensate?

  8. mino says:

    Ma vi sembra normale che i dipendenti del servizio pubblico e di sicurezza della capitale d’Italia debbano essere spostati in continuazione perchè, se rimangono più di due anni sfruttano i “rapporti di amicizia”??? Ma chi assume questa gentaglia, Totò Riina?? Ma questi elementi, se beccati a “srtingere rapporti” DEVONO essere chiusi in galera e RADIATI A VITA da qualsiasi incarico pubblico e privato.

  9. max44 says:

    Mino hai ragione,ma la realtà è un’altra,la rotazione,in questa situazione potrebbe ottenere qualche piccolo risultato, nel breve, ma poi l’italico ingegno troverebbe il modo di continuare come prima,cmq meglio di niente.

  10. Andrea Rossi says:

    L’unica soluzione e’ il metodo Brunetta ma applicato all’ennesima potenza nel caso dei vigili urbani, ovvero LICENZIAMENTO IN TRONCO SENZA SE E SENZA MA PER TUTTI I VIGILI (DIRIGENTI E FUNZIONARI COMPRESI…) CORROTTI, ASSENTEISTI, LASSISTI, RACCOMANDATI E FANNULLONI.

  11. anonimo says:

    non sono tutti come dite, smettetela di criticare solo…

Inserisci un commento



(facoltativo)