Subscribe via RSS Feed

Ecco come cambia il commercio su Emanuele Filiberto

Qualche giorno fa la comunità dei lettori di Degrado Esquilino si confrontava sulle sorti del grande fondo commerciale che ospitava fino a qualche mese fa un vasto negozio di affitto-dvd. Oggi il mistero è sciolto, nello spazio lungo Via Emanuele Filiberto troverà sede un negozio della storica catena romana Hassan calzature, boutique plurimarca per uomo e per donna che qui però apriranno non un punto vendita normale (d’altronde siamo o non siamo nella periferia del centro?), ma un outlet probabilmente spostando quello già aperto tempo fa in Via Faleria.
La strada per la riqualificaziono commerciale di Via Emanuele Filiberto è ancora molto molto lunga. E di certo non ha un punto di svolta nell’arrivo del marchio nato alla Balduina nel dopoguerra.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (7)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. franci says:

    sarà ben contento cancellieri!
    mi pare che vendano marchi più o meno simili

    notizie sulla proposta di riqualificazione della strada?
    io lunedì non ce l’ho proprio fatta ad andare in consiglio purtroppo

  2. Paolo says:

    L’Agenzia Mobilità si è detta disponibile a collaborare con un progetto, ma nel frattempo AMLA è svanita nel nulla, Intermetro non risponde e il VII Dipartimento sembra irraggiungibile. Se almeno si riuscissero a recuperare le carte di 5 anni fa in cui l’AMLA si impegnava a riqualificare la via una volta terminati i cantieri, si potrebbe intervenire con più forza. Stiamo cercando di rintracciare tutti coloro che parteciparono alle riunioni fatte prima dell’apertura dei cantieri per sapere se c’è qualche documento a cui far riferimento. Pensate che anche della colata d’asfalto all’uscita metro di S. Quintino dissero che si trattava di una sistemazione provvisoria. Intanto il degrado avanza.

  3. francesco says:

    paolo io lavoro all’agenzia della mobilità mi sai dire chi ha partecipato all’incontro?

  4. Paolo says:

    In questo momento non ho il memo della riunione a portata di mano, ma posso dirti che gli abbiamo consegnato le nostre proposte, che sono state inviate anche a Marco Giberti. Appena recupero il memo, ve lo giro.
    Adesso attendiamo una risposta dal VII Dipartimento.

  5. anonimo says:

    ma menomale trovermo belle scarpe a meno prezzo, quanto snobismi inutili ,non c’è una lira, menomale che qualcuno apre un negozio e da lavoro a qualcuno

  6. Magica says:

    E meno male che non si tratta del solito negozio cinese!

  7. michele says:

    ma perchè no agite invece di parlare solo… aprite una libreria o quello che credete, ma se investe un’altra persona ci fa quello che vuole, che vi interessa? ognuno coi suoi soldi fa come crede… investite voi e fate come volete!!

Inserisci un commento



(facoltativo)