Subscribe via RSS Feed

Noi ve lo diciamo che le cose stanno cambiando

Roma, esterno giorno. Parioli. Tram in transito. Auto in sestupla fila a interrompere, placidamente, i binari. Fila, caos, casino, fila di convogli, traffico bloccato. Baldi giovani che scendono e tentano di spostare di peso l’auto. L’auto non si sposta. Dopo un po’, tranquilla, arriva la proprietaria, una donna. Una figlia di puttana rotta in culo assassina criminale esce da una copisteria con un tubo di carta che sappiamo bene noi dove dovrebbe infilarsi. E pronuncia la classica frase “eh che il tram non ci passava???”. La gente, per una volta, non tale, non si abbandona rassegnata al degrado morale della prepotenza. Giù insulti. Giù spintoni. Ad una donna! Giù borsettaie. “Ho settantotto anni, ma se uno non si arrabbia significa che è già morto”, dice un signore mentre altre (donne!) coetanee prendono a scappellotti la troia malefica che scappa sulla sua Clio. Questo è successo oggi, a Viale Parioli. E, giustamente, ne parlano i giornali. Segnatevi la data.

Share

si parla di:

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (12)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marcus says:

    Hai ragione, sembra un’ambientazione surreale del teatro di Ionesco, ma è sucesso veramente.
    Ed altre notizie non sono slegate da questo contesto: l’autista atac filmato mentre guidava con i gomiti, i vigili delle “iene”…
    E’il sintromo che si è arrivati ad un tale livello di ingiustizia e prepotenza che la gente, nonostante il pelo sullo stomaco, inizia a ribellarsi !!

  2. Andrea Rossi says:

    E’ uno schifo totale, cambiano le amministrazioni ma il lassismo e’ sempre lo stesso.

  3. Federico says:

    Ben fatto una volta tanto !

  4. Livia says:

    Non mi piace la violenza, ma spero che in questo caso sia stata istruttiva e abbia tolto per sempre una Clio dalla strada…

  5. Marika says:

    E intanto una giovane ha perso la vita mentre guidava in motorino su una preferenziale
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=149771&sez=HOME_ROMA
    La strada in questione non era coinvolta nella sperimentazione…ma questo cambia qualcosa?

  6. Cerutti Gino says:

    L’assurdità e pericolosità di aprire le preferenziali alle moto era stata segnalata anche qui: http://italia2013.org/2011/05/03/ultima-fermata-roma/

    E vorrei sottolineare che la signora di Viale PARIOLI ha potuto parcheggiare sui binari perchè questa giunta ha abolito i cordoli che difendevano le preferenziali! Una scelta che è un insulto al buon senso, a tutti gli utenti dei mezzi pubblici, e in generale al rispetto delle regole.

  7. Max says:

    La vicenda resta ugualmente un fallimento se questa maleducata prepotente non si becca una contravvenzione con sottrazione di punti patente.
    Ben venga l’ira funesta dei cittadini (magari anche qualche giovane non guasterebbe!), ma in quella zona i vigili hanno il comando in fondo alla strada, e tutta viale Parioli, compresa la via parallela DIETRO il comando dei vigili, è stracolma tutti i giorni di auto in doppia fila e sopra i marciapiedi!!! Parliamo di centinaia di metri! Se i nostri carissimi vigili camminassero avanti e indietro tutto il giorno il comune potrebbe incassare (solo in quel tratto!) migliaia di euro al giorno e realizzare chissà quante altre opere idonee a smaltire la sosta selvaggia e criminale sui marciapiedi. Potrebbero essere piantati centinaia di parapedonali e realizzati altri parcheggi sotterranei in fondo alla via…là dove comincia il regno dei trans! (impuniti anch’essi, oltre che onnipresenti)

    Ha ancora un senso la “presenza” dei vigili tra le FdO?? In certe zone di Roma non si direbbe.

  8. max44 says:

    Per me non è l’esperimento sulle corsie preferenziali a creare problemi,ma il lassismo degli ultimi 50 anni,tutti e dico tutti,pedoni, tassisti,conducenti Atac,forze dell’ordine,automobilisti,motociclisti fanno come gli pare perchè non c’è controllo,in special modo nel fine settimana.
    Sono favorevolissimo alle corsie preferenziali ed al trasporto pubblico,ma anche queste se non c’è controllo diventano pericolose perchè gli utenti si lasciano andare perlomeno a velocità eccessive.

  9. Andrea Rossi says:

    Scusate ma riguardo l’incidente mortale avvenuto su via boccea vi posso dire che la storia delle preferenziali non c’entra assolutamente nulla di nulla.

    Abito a Casalotti e conosco benissimo la problematica di via Boccea, siccome c’e’ sempre traffico (da 30 anni circa) allora gli scooteristi sorpassano le auto andando ad invadere la carreggiata opposta, gli automobilisti che conoscono la zona si tengono appositamente sulla destra per non colpire questi motociclisti incoscienti, LA PREFERENZIALE NON C’ENTRA NULLA DI NULLA oltretutto quella in questione non e’ aperta alle moto.

    C’entra invece molto l’incoscienza dei motociclisti e la cronica assenza dei vigili urbani.

    NON BUTTIAMO TUTTO SEMPRE IN POLITICA, NON SI SPECULA SULLA MORTE DI UNA RAGAZZA.

  10. mario says:

    sono anch’io di casalotti e quella corsia chiusa da un cordolo in cemento viene piuttosto spesso percorsa dai motorini CONTROMANO. non so se sia questo il caso perché non ci sono notizieprecise. l’unica cosa certa e che se percorreva la corsia preferenziale non la percorreva nel verso giusto perché in direzione roma centro non c’è traffico

  11. Andrea Rossi says:

    Confermo quanto scritto da Mario, se percorreva la preferenziale allora significa che andava contromano, ma credo che la cosa piu’ probabile e’ che si sia allargata troppo (magari per evitare a sua volta una macchina che si stava allargando) invadendo la carregiata opposta andando a cozzare contro l’autobus.

    Io comunque sto cercando di non prendere piu’ la macchina anche se aspettare il 905 o il 146 a volte e’ esasperante.

  12. Patrizio says:

    Comunque dalle parti di piazza Santiago del Cile qualcosa si sta muovendo nel senso che l’istallazione di parapedonali nella via di cui parlavate (via Ruggero Fauro e dintorni) è già partita da qualche mese. E anche le auto che comunque riescono a parcheggiare sullo spazio restante del marciapiede le vedo spesso multate.
    Effetto forse del PUP Santiago del Cile?
    Quello che mi sfugge e che non mi da pace è perchè i parapedonali non riescono proprio a metterli con continuità in modo da impedire completamente la sosta? E’ così dappertutto, vedi via delle 4 fontane…

Inserisci un commento



(facoltativo)