Subscribe via RSS Feed

Lì dietro c’è la nuova Upim Pop

Cosa si può fare contro una situazione che non ha eguali in nessuna città del mondo? Di chi sono le licenze di queste bancarelle che rendono orripilante la città? Che rendono pericolosa la città? Che rendono sporca la città? Che generano il caos nella sosta tutto intorno? Perché non si può fare niente? Esistono delle licenze di commercio ambulante che possono essere eterne? Saremo condannati a vivere nella città capitale intercontinentale delle bancarelle anche tra 50 o 100 anni? Siamo davvero condannati a questo? O qualche modo c’è?
Non esiste nuovo sindaco. Non esiste campagna elettorale. Non esiste programma politico per l’amministrazione del 2013 (speriamo prima) che non abbia al primo posto la risoluzione di questo problema.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. max44 says:

    Si purtroppo è così,le bancarelle aumentano mentre qualche politico del Municipio aveva detto di no.I pedoni in quel tratto fino a via Napoleone III debbono fare i contorsionisti per passare,se poi hanno una valigia(vedi turisti) o le borse della spesa(c’e il supermarket)non vi dico,l’unica reale possibilità è che aumentino,perchè forse interessa solo a noi,gli altri non vedono o forse non capiscono

  2. max44 says:

    Confermo il cambiamento al vertice del comando dei vigili urbani del 1° Municipio,ma non illudetevi,come diceva Erich Fromm,se non cambiano gli uomini che ci hanno portato in una certa situazione siamo condannati a rimanervi.

  3. Mc Daemon says:

    cacca papà

  4. anonimo says:

    indecenti, e pericolose,appartenti all’ex scarparo adesso bar di via merulana quello che monta le casette e nessuno lo sanziona, della serie degli intoccabibili……..altro che vigili

Inserisci un commento



(facoltativo)