Subscribe via RSS Feed

Roma e-Terna. Come i lavori per cambiare due tubi

Visto il grande interesse che molta parte del Rione ha nel completamente degli impattantissimi lavori sulle tubature elettriche che stanno tormentando il nostro territorio da mesi e mesi, abbiamo ritenuto utile ripescare dai commenti e far diventare un post vero e proprio un testo scritto dalla consigliera municipale Stefania di Serio.

Sto monitorando i lavori di Terna nel rione e vi do un aggiornamento.
I lavori si stanno avviando alla fine, Terna ha assicurato che saranno terminati entro fine Aprile con ripristino definitivo per Via Emanuele Filiberto e Via Bixio fino all’incrocio con Principe Eugenio. Il ripristino definitivo prevede rifacimento totale del manto stradale e il rifacimento dei marciapiedi.
Per i cantieri di via Petrarca e fine di via Bixio ancora c’è qualche problema, in particolare per via Petrarca sarè fatto un ripristino provvisorio in quanto tra qualche mese dovranno intervenire di nuovo per finire un lavoro che attulamente non puo’ essere definito.
Per via Bixio la situazione è più complessa in quanto oltre al ritrovamento del muro romano sono state scoperte due tombe pertanto la sovrintendenza ha di nuovo bloccato i lavori. Terna ha prospettato una soluzione alla Sovrintendenza che l’ha verbalmente accolta. Sono in attesa del nulla osta definitivo per procedere con i lavori e chiudere. 
Vorrei poi sottolineare che Terna ha già versato nelle casse del Comune ingenti oneri accessori che andrebbero utilizzati all’Esquilino, ma di cui non si ha notizia.
Vi terrò informati dei prossimi sviluppi, continuerò a monitorare i lavori e vi prego di segnalarmi eventuali difformitù ulteriori.
Stefania Di Serio

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (10)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Magica says:

    Io non ho capito bene se dobbiamo sperare o no. Ci sono passata i giorni scorsi e non mi pare che si intravedesse qualcosa di positivo ma sempre il solito abbandono e la solita sporcizia (ci buttano di tutto!). Speriamo che si risolva davvero prima dell’estate non se ne può più !

  2. Paolo says:

    Grazie alla consigliera, ma l’informazione sulla durata del cantiere deve essere indicata in loco: è questa la prassi nei paesi civili. In ogni caso va rilevato che non è questo il modo di tenere i cantieri. Le recinzioni sono pericolanti e alcune sono cadute a terra e poi mancano delle protezioni adeguate per evitare l’accumulo di sporcizia. Mi chiedo se ci sarà almeno la possibilità di monitorare il rifacimento dei marciapiedi.

  3. Sato says:

    Nel frattempo, a chi dobbiamo dire grazie per l’invasione di ratti che da qualche tempo a questa parte flagella buona parte dei cortili dei palazzi di via Bixio? Si può essere sicuri che tale proliferazione possa dipendere dall’humus di sporcizia, acqua stagnante, degrado ed incuria che i succitati cantieri Terna hanno “regalato” ad un quartiere che già precedentemente non brillava per impeccabile decoro e pulizia… Non riesco ad esprimere la vergogna e la delusione per una gestione così distratta – a voler essere blandi – di lavori di tale portata ed impatto, sia urbanistico che logistico, e addirittura sociale (modificazione permanente di percorsi pedonali e stradali per un periodo indecentemente lungo).
    Propongo seriamente di organizzare una class action mirata a chiedere i danni, morali e materiali, alla società Terna, per lo stato di ulteriore e profondo degrado in cui ha scaraventato una significativa porzione del quartiere Esquilino.

  4. francesco says:

    via petrarca sembra bombardata con macchine della polizia sul marciapiede e le altre parcheggiate sulle striscie pedonali all’angolo con emanuele filiberto..

    Il lato positivo è che nn vedo i tossici di piazza dante..

  5. Anonymous says:

    …i tossici saranno caduti nelle buche dei cantieri!

  6. p@blito says:

    avete news sui lavori per la metropolitana. su v..e.filiberto angolo v.statilia?

    e sapete se quando finiranno v.statilia cambiera’ senso di marcia?

    tks
    p.

  7. Marco says:

    meglio i tossici di piazza dante che gli spacciatori della Terna! È quasi un anno che vivo con una buca enorme sotto casa! E basta!

  8. franci says:

    proprio a proposito del cantiere metropolitana vie e. filiberto-statilia, lo si festeggia il compleanno come qualcuno proponeva?
    pare che siano 5 anni…qualcuno ha la data esatta di inizio?

    si potrebbe preparare una striscia di auguri e addobbare con bandierine e palloncini

  9. p@blito says:

    francy, secondo me l’ottico all’angolo offre pizza e aranciata a tutti…

  10. davide says:

    Salve,
    a seguito di un recente artiolo pubblicato sul Messaggero di Roma relativo alle lamentele dei residenti di via Bixio per gli ormai inspiegabili ritardi ed eccessivi disagi provocati dalla fossa presente da oltre un anno in via Bixio all’altezza del civico 4 (lavori della terna), ho notato che, con sorprendente tempismo, una squadra di operai, nel giro di pochi giorni, ha ultimato i lavori e richiuso la “fossa”…ma si trattava della “fossa” di via Giolitti angolo via Bixio e non di quella di via Bixio. In sostanza, seppur felice per i nostri “vicini” di via Giolitti, la bisfrattata via Bixio rimane figlia di nessuno, abbandonata, sporca, frequentata di notte di sbandati e ubbriaconi che prendono a calci le protezioni del cantiere e bersagliano a bottigliate il muretto romano emerso dagli scavi (se potesse parlare credo che supplicherebbe di essere ricoperto), aprono le macchine e gettano a terra i motorini: niente di più semplice, trattandosi ormai di una strada chiusa che impedisce il transito alle Forze dell’Ordine.
    Di giorno il quadretto è diverso: flotte di arabi provenienti dalla vicina zona di Termini, invadono i prolifici phone center della via, infastidiscono le ragazze con frasi poco carine e…bivaccano, confabulano e maneggiano grosse somme di denaro…
    Beffa finale, stamattina, 11 agosto 2011, alcuni operai (4, se non sbaglio..e comunque fin troppi per non far nulla) si sono intrattenuti per circa un’ora e mezza all’interno del cantiere a bere birra e mangiare panini (le cui carte sono finite poi immancabilmente nella “fossa”).
    La domanda è molto semplice: chi dobbiamo ringraziare per tutti questi disagi? Comune? Terna? Beni Archeologici?
    P.S. Concordo con la proposta di costituirsi parte civile e chidere i danni per gli innumerevoli disagi provocati dagli interminabili lavori della Terna. Credo sia il caso di tirare le somme ora.
    P.S.2: recentemente gli operai avevano riferito che la “fossa” sarebbe stata chiusa per la fine di agosto in quanto i beni archeologici avevano svincolato l’area. Oggi l’Ufficio Tecnico del Comune (da me chiamato per gli operai che bivaccavano) ha riferito che c’è un ulteriore proroga fino al 23 settembre.
    Sembriamo così stupidi ai loro occhi?
    Davide

Inserisci un commento



(facoltativo)