Subscribe via RSS Feed

Come caspita è possibile che nessuno di voi abbia commentato il catafalco di Via Principe Amedeo

Ecco a cosa è servito tutto il nostro impegno per fare allargare i marciapiedi. Un bel catafalco e via. Certo bellissimo non è, ma era meglio prima quando c’erano una sventagliata di auto in divieto? E poi, a quanto pare, ha dato vita alle aspirazioni imprenditoriali del baretto che ora finalmente smercia feste di laurea come mai era successo. Dunque girano più soldi, dunque forse si creano posti di lavoro, dunque forse si diluisce la strabordante e oggettivamente anomala presenza straniera lungo quel versante di strada. E poi del milky bar parlano tutti bene. Dunque siamo contrari? No. Dunque chiediamo, nei limiti del possibile, un filino più di buon gusto nella scelta di materiali e strutture? Si.

Share

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (9)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Lisa says:

    Non lo ho mai commentato, ma ci sono già andata più volte per aperitivo e invito tutti a fare altrettanto. Forse bellissimo il catafalco non è, ma puoi diventare un punto di aggregazione e rivitalizzazione della strada! E che cosa c’è di meglio per rivitalizzare il quartiere?:-)

  2. Marco says:

    Sono disperato, dovrei uscire con il mio scooter in via Principe Amedeo 137-141, ma ho macchine parcheggiate davanti in doppia fila. In orario di negozio è permanentemente così. Dal mio cellulare, chiamo i numeri 0667693702-04 ma trovo o occupato o libero con poi una musichetta che attacca. Chi devo chiamare?

    Un vigile che stava a 100 mt dal luogo e naturalmente “non poteva intervenire” un giorno mi ha dato la dritta di chiamare lo 06-70494789 se trovo occupato agli altri numeri ed effettivamente una volta ha funzionato ma stamattina no, una signora mi ha detto che da questo punto telefonico loro chiamano una pattuglia “solo per cortesia” (?!?) se ne hanno a disposizione e ora non ce l’hanno.

    La tentazione sarebbe di ridiscendere e spaccare il parabrezza delle macchine con un martello, ma non si può fare. Qualcuno ha qualche consiglio? (oltre a prendere i mezzi pubblici, ovviamente)

  3. anonimo says:

    non sarà esteticamente perfetto, ma sempre meglio delle macchine e dei disperati che prima ci bivaccavano, poi il servizio è ottimo ci sono pure i gionrali da leggere gratis e loro sono gentilissimi

  4. Scrocchia says:

    Marco:
    -alzagli i tergicristalli
    -svitagli i tappetti dell’aria delle ruote (e mettiglieli in bella vista sul tetto dell’auto).

    Dopo un mese di questo trattamento la sosta illegale nella mia strada è drasticamente diminuita…

  5. Mc Daemon says:

    io di solito ci piscio sopra
    l’urina è anche disinfettante!

  6. Paolo says:

    Forse mettere due fioriere (sufficentemente robuste) in mezzo al passo carrabile, sempre che non debbano passare spesso anche delle auto.

  7. Marco says:

    Preciso: non si tratta di un passo carrabile, ma sono automobili che si parcheggiano a T davanti ai parcheggi di motorini e moto, e davanti alle altre macchine. Spesso sono dei negozianti – italiani e non – davanti, ma quando sei meno fortunato (come oggi) è gente che la lascia qualche ora e poi la riprende, “tanto non danno fastidio, e le moto e gli scooter si possono sollevare sul marciapiede, che male je fa”.

    Vivo all’Esquilino da 2 anni, da quando ho comprato casa, e questa cosa di non sapere se posso uscire in orario di negozio, perché c’è sicuramente una macchina davanti è una seccatura imbarazzante e che non avevo previsto al momento del trasferimento.

  8. Scrocchia says:

    Agisci Marco, tanto nei vigili non possiamo sperare.

  9. Livia says:

    Anche a me è successo qualche volta. Se il marciapiede è abbastanza basso e consente manovre ti conviene mettere il muso verso di esso così ci sali sopra e amen.
    Altrimenti, quoto Scrocchia.
    Benvenuto all’Esquilino, terra di confine :)

Inserisci un commento



(facoltativo)