Subscribe via RSS Feed

Che paese ridicolo che siamo, tocca anche rispettare le leggi…

Noi la chiamiamo, da un po’ di tempo, Economia del Degrado. E voi avete capito il perché. Si tratta, insomma, di qualcosa che sta permeando la società. Si tratta di attività produttive della città, si tratta di decine e decine (di migliaia?) di posti di lavoro che ruotano attorno al fatto che è consentito far scempio del suolo pubblico. Il nome giusto è proprio questo, Economia del Degrado. Qualcosa che muove soldi, impiega personale, fa girare materiale, determina giochi di potere. In piccolo, in filigrana, lo comprendete da questo articolo che reputiamo tanto incredibile quanto significativo apparso sul sito de Il Messsaggero. Che ne pensate? Cosa dite sul fatto che delinquere ai danni del pubblico suolo è diventato un diritto inalienabile? Cosa considerate quando sentite qualcuno che si sente nella piena e inattaccabile facoltà di compiere abusi? Che ragione ve ne fate nel sentire gente, come questa, che quando, per una volta, una pubblicità autorità fa il suo dovere, considera la cosa “ridicola”?

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (14)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. rigs says:

    Ma chi è sto zozzone? Si firma pure?

  2. Renzo says:

    Bene, la vera notizia è che i vigili cominciano a multare!
    Forse a forza di denunce gli si è sciolta la mano??

    Non mi stupisce la reazione del multato, chiaramente abituato a fare come caxxo gli pare nel nostro campo Rom. Devo fare pubblicità? Mica chiamo un’agenzia. Mica metto un’inserzione sul giornale. Attacco sui muri di Roma che tanto non sono di nessuno.

    (e ricordiamoci che questo comportamento frutta all’abusivo un vantaggio gratis, e allo Stato una perdita del 20% dell’IVA sull’inserzione legale. Ricordiamocene quando si chiudono gli asili nidi per mancanza di risorse)

    Ma Roma non è di nessuno, ROMA È NOSTRA, di tutti i cittadini che la proteggono e la amano!! È ora che l’aria inizi a cambiare, e si sente che sta cambiando.

  3. Patrizio says:

    Speriamo che questo intervento sollecito non sia dovuto al fatto che questi commercianti non versavano la “mancetta” ai vigili…chissà se avranno multato e addirittura rimosso tutti i cartelli (compresi gli odiosi stickers su pali e cassonetti) nel loro territorio? Qualcuno in zona può confermare?

  4. Les says:

    L’ho appena letta, non ci posso credere, ha pure scritto al Messaggero e gliel’hanno pubblicata!

  5. sessorium says:

    Che qualcuno la pensi come il buzzurro della lettera lo posso ben credere, anzi la pensa così la maggior parte del ventre molle della città. Ma che il principale giornale della Capitale del paese pubblichi lettere simili è una roba da tribunale…

  6. max44 says:

    Si è cosi, la mancanza di controlli porta tutti e dico tutti col tempo a non rendersi più conto che si stà infrangendo la legge e questo è un altro aspetto diseducativo del degrado,ci si abitua.

  7. Che lettera ridicola. I propri errori non sono mai prioritari (“non hanno di meglio da fare”) ma quelli degli altri devono essere puniti più celermente.

    Semplicemente ridicolo.

  8. Les says:

    Il nuovo assessore all’ambiente, Marco Visconti, annuncia la fase 2 del Piano Decoro iniziato il 5 novembre 2010:

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/03/04/news/multe_pi_salate_per_chi_sporca_al_via_l_operazione_decoro-13178712/

    “Maggiori controlli e sanzioni più elevate per chi sporca la città, accompagnati da una campagna di sensibilizzazione sul decoro urbano in ogni municipio di Roma che passerà per le scuole.”

    Vedremo se andrà veramente così.

  9. Junio says:

    “Il decoro funziona se c’è monitoraggio, senza la collaborazione dei cittadini è impossibile farlo rispettare”.

    E io che avevo capito che era colpa del lassismo veltroniano, del sindaco delle forbici d’oro. Sono diventati agnellini questi del PDL…

  10. theDRaKKaR says:

    Una lettera del genere non può che farmi piacere. La domanda che il subumano si deve porre è “ho rispettato le regole?”.

  11. Antonio says:

    Solo in Italia ste cose eh…cmq il titolo è azzeccatissimo >>> SIAMO UN PAESE RIDICOLO <<<<

  12. anonimo says:

    Ottimo! Finalmente fanno le multe!!

  13. Anonymous says:

    Da rinchiudere. Siamo in mano ai pazzi.

Inserisci un commento



(facoltativo)