Subscribe via RSS Feed

E l’amministrazione comunale continua a umiliare la città

Dunque torniamo a parlare della morte dei quattro bambini Rom. Torniamo a parlarne perché la goffaggine con cui l’amministrazione comunale ha gestito questa tragedia fa vergognare tutti i cittadini per bene di Roma. Torna il problema del rapporto complicato tra Roma Gabidale e il Governo Centrale. Muoiono i Rom > il sindaco dà la colpa alla Soprintendenza facendo imbufalire pure l’ultimo commesso del Ministro dei Beni Culturali > il sindaco chiede 30 milioni al Ministero dell’Interno > il Ministero di Maroni risponde che i soldi già sono stati stanziati e, perdipiù, già spesi > il sindaco risponde che si appellerà direttamente al Primo Ministro e che comunque ha già preso parlando con il gabinetto di Maroni un appuntamento con il ministro > i cittadini si chiedono: ma possibile che il sindaco di Roma (il sindaco di Roma!!!) non abbia interlocuzione diretta con il ministro degli Interni e debba passare dalla segreteria per pigliare un appuntamento??? > ad ogni modo, per fugare ogni dubbio, il Ministero stesso lancia –è storia di ieri – un Ansa in cui specifica: “non ci risulta nell’agenda del Ministro nessun appuntamento con il sindaco di Roma”.
Una umiliazione totale, su tutta la linea. Uno spaccato di come viene considerato il sindaco Alemanno dal Governo: un omuncolo che può essere umiliato alla bisogna e smentito a mezzo agenzie di stampa sputtanandolo come l’ultimo degli scocciatori. Peccato che umiliando lui, che se lo merita, umiliano tutta la città. Che, in fondo, se lo merita pure lei!

Share

si parla di:

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. anonimo says:

    Ma infatti, e pensare che sono pure alleati (pdl/lega). Alemà, non te se fila nessuno, cambia mestiere!

  2. anonimo says:

    Persino i suoi alleati lo trattano come una pezza da piedi, alemanno se ti rimane un pò di dignità dimettiti.

    ps. sono in arrivo tendopoli da 250 posti rom a Torre Spaccata, La Rustica e Massimina.

  3. Filippo says:

    Mi limito a riportare i dati forniti dall’”Associazione 21 Luglio” su come sia stata gestita la questione nomadi dalla giunta Alemanno.
    Il sindaco chiede 30 milioni al governo per sistemare gli abusivi? Gli abusivi sono duemila, quindi parliamo di 15mila euro a persona. Manco gli hotel di lusso!!
    Con i precedenti 34 milioni stanziati per il piano nomadi si dovevano costruire 12 villaggi attrezzati. Non ne hanno fatto neanche uno! Hanno sgomberato il campo Casilino 900 e hanno spostato 200 zingari al campo di Salone. Per adeguare le strutture di Salone hanno speso 2milioni e mezzo, pari a 12.500 euro per ogni nuovo arrivato. Solo i nuovi container sono costati un milione e 300mila euro. Quattro milioni (ripeto quattro milioni) per installare le telecamere e pagare le guardie a presidio dei villaggi!!
    E ora Alemanno chiede altri 30 milioni?? Fa bene Maroni a mandarlo ….. dove merita di andare.
    Filippo

Inserisci un commento



(facoltativo)