Subscribe via RSS Feed

Che ne è del Palazzo Armani?

In effetti tutti noi qualche dubbio lo avevano sempre conservato. Vabbene che siamo a due passi da Monti, dai Fori e dal Colosseo, ma chi sono questi potenziali inquilini pronti a sborsare due o tre milioni di euro per un appartamento nel cuore della disastrata Via Cavour tra bancarelle, cartelloni abusivi, traffico, sosta selvaggia, sporcizia e affissioni illegali?
E in effetti, come volevasi dimostrare, qualcosa non ha funzionato. Lo rivela l’edizione attualmente in edicola de Il Mondo, che ripercorre le vicissitudine della grande operazione immobiliare della ex sede dei servizi segreti, oggi destinata a ospitare 12mila mq tra servizi e appartamenti. Ma questo “oggi” diviene in realtà “domani”, un domani imprecisato che vede, per intanto, soppresso l’ufficio vendite e semi-abbandonato un cantiere che doveva consegnare i lavori lo scorso anno.
Da Armani Casa dicono che il progetto è ancora in essere pur ammettendo il ritardo, intanto alcuni attori del progetto sono andati via. Lo ha fatto Europa Risorse, lo sviluppatore, e lo ha fatto Quintessentially, società di concierge di altissimo lignaggio.
Però nessuno, salvo noi, ha fatto una lettura complessiva del problema: gli appartamenti non sono stati venduti solo per colpa della crisi o anche perché sono collocati in un immondo contesto di degrado che è inaccettabile per i potenziali acquirenti anglosassoni, russi o arabi?

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (19)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Me ne ero interessato per conto di un amico compratore straniero, la risposta della John Taylor Real Estates (l’immobiliare che ne cura le vendite) è stata:

    “Gentile cliente,

    In riferimento alla sua richiesta, le comunico che in merito al progetto Cavour220 i lavori sono attualmente fermi, ci sara un cambio dell’impresa costruttrice e ci impegneremo a richiamarla in marzo per ulteriori sviluppi”

    -
    Lavori fermi dunque, ma Marzo è vicino, peccato per Quintessentially sparita… Vi farò sapere :)

  2. Massimiliano Tonelli says:

    Peccato? Mica tanto, a considerare dalla qualità dei consigli sui ristoranti che avevano inserito nella brochure…

  3. Radical says:

    Pure io mi ero interessato. Il Concept era molto anglosassone e sembrava quasi di rivolgersi ad una agenzia per aquistare un appartamento su Masison Av. o su Union Sq. (l’ideoa del lounge bar per i condomini era carina anche sebbene immagino sarebbe finito come locale per feste di compleanno per i bambini) il problema è che poi la location è quella che è e i prezzi (nonostante l’arredamento di Armani) erano molto alti…Poi alla fine ho trovato altrove e non sono più andato a vedere gli appartamenti disponibili.
    Un’altro mistero immobiliare (quantomeno per me) è quello del palazzo dei Ciancaleoni a Monti. Qualquno ne sa qualcosa?

  4. Massimiliano Tonelli says:

    Ai Ciancaleoni credo che alcuni appartamento li abbiano anche consegnati, ci abita gente che conosco. Anche famosa.

  5. Simone says:

    Intanto le palme se le sono giocate

  6. Massimo Livadiotti says:

    Alla desolazione del cantiere dormiente….c’è da aggiungere che dopo aver rimesso a posto il marciapiede con basaltine su via Lanza si sono dimenticati di ripiantare le magnolie che erano state tolte (5 per l’esattezza!) per far posto al cantiere!!Decimo dipartimento,assessorato fanno chiaramente finta di non vedere…!

  7. Gianni says:

    Ma come si fa a sborsare 2 milioni di euro per un appartamento in una strada che di notte è buia come un vicolo del Bronx?

  8. Anonymous says:

    altrochè borghesi… siete qualcosa di più ! Ecco perchè da sempre mi trovo in disaccordo con voi, non potrebbe essere altrimenti ! Gianni ma quale bronx ? poi questa è la gente che da consigli sui residence di torbella monaca !

  9. Gianni says:

    Via Cavour di sera è illuminata malissimo, è tutta nera, ha dei bar e ristoranti di bassissimo livello, ha la sosta selvaggia e i muri graffitati. Io non ce li spenderei due milioni di euro per andarci a vivere.
    Andrei invece nella nuova Via del Boschetto. Peccato che mi mancano i milioni.

  10. Anonymous says:

    Gianni ma tu non sei un milionario e come pensi di capire le loro esigenze ? Ad esempio guarda totti, berlusconi e gli altri ! I soldoni chiamano vizi non certo moralità ! Vogliono cemento e speculazioni…investimenti ! Vogliono altri soldi ! Sono interessati ai bar e all’illuminazione solo se ci guadagnano sopra ! Magari con bandi (regolarissimi per carità..) !

  11. dionisio says:

    stessa fine che faranno tutti gli appartamenti di lusso in costruzione a roma.. in primis il residence città del sole…
    se prima non si sistema la zona è inutile vendere a prezzi esorbitanti!

  12. Max says:

    L’Esquilino è uno dei quartieri più bui di Roma, e di notte è davvero tetro.
    La differenza si nota subito passando al di là di via Cavour, ancor più se si attraversa via Nazionale.

  13. Gianni says:

    Berlusconi vive a Palazzo Grazioli, Totti a Casal Palocco. Se i ricchi si insediano, vogliono lusso e/o tranquillità intorno a loro, cose che a Via Cavour mancano.

  14. anonimo says:

    vorrei che lo occupassero gli sfrattati almeno servirebbe a qualche cosa, ma lo sapete voi che solo al’Esquilino ci sono sei sfratti esecutivi al giorno? Eppoi russi ,arabi, diteglielo a gheddafi se lo compra lui, cosi sta vicino a silvio

  15. sessorium says:

    Se ci sono degli sfratti è solo perché, almeno un minimo, la giustizia funziona! Ce ne dovrebbero essere di più, così chi se ne approfitta, sfruttando ciò che non è suo, la farebbe finita. Ricordo che lo sfratto è un diritto per il proprietario di un immobile che viene locato a chi non paga l’affitto o a chi ha il contratto scaduto, non una cosa brutta e cattiva che si fa contro le persone indifese. Indifesi, il più delle volte, sono i proprietari non certo gli sfrattati.

  16. anonimo says:

    si ma non quando sono vecchi ed indigenti ed anche invalidi, informati caro

  17. Massimiliano Tonelli says:

    E allora facciamo così, visto che allorquando una famiglia sputa sangue per comprarsi un piccolo immobile come investimento, è normale che questo immobile possa essere de facto occupato da “anziani” o “indigenti” che, senza pagare, posso stazionarvi a vita, facciamo che io trovo un indigente e tu ci metti casina tua, eh? Poi vediamo se consideri incivili gli sfratti…

  18. PIPPOPELO says:

    ANCHE L’HOTEL DI FRONTE HA CHIUSO… INTERO CIELO TERRA…

  19. Dr. Vincent Malfitano…

    Che ne è del Palazzo Armani? | Degrado Esquilino…

Inserisci un commento



(facoltativo)