Subscribe via RSS Feed

Cosa vuol fare la Provincia lì?

Avete capito dove ci troviamo? Eeesatto, proprio lì: l’angolo tra Viale Manzoni e Via Emanuele Filiberto. C’è l’edicola, la stazione della metropolitana, il grande incrocio. E c’è un’ala dell’istituto Galilei, una scuola enorme e sconfinata. E perciò sottoutilizzata e con tante sue parti abbandonate e da rifunzionalizzare. In particolare in questa specifica parte, affacciata su un potenzialmente delizioso giardinetto interno sono in corso dei lavori di recupero di tre piani, 200 mq a piano per un totale di circa 600 di proprietà e pertinenza della Provincia di Roma.
Ora tutti voi sapete come l’ente guidato da Nicola Zingaretti stia puntando sulla creatività a 360 gradi. Ecco perché, a quanto pare, proprio in questo edificio, Palazzo Valentini vuole aprire qualcosa di cui ancora non si sanno bene i contenuti, ma che, a quanto pare, si chiamerà Palazzo della Creatività. Un contenitore di mostre ed eventi espositivi focalizzato sull’arte giovane? Un hub che dia spazi di lavoro e di incontro ad associazioni, enti non profit e realtà indipendenti? Ancora non è dato sapersi: i lavori dovrebbero concludersi a settembre, dopodiché -presumibilmente ad inizio 2011- il Palazzo dovrà aprire i battenti con un progetto, dei contenuti, una ampia area dedicata alla ristorazione ed una “linea culturale” definita. Che magari sia in dialogo con il Palazzo della Memoria che sempre la Provincia sta realizzando dall’altra parte della strada, a Villa Altieri e di cui abbiamo parlato qualche mese fa.
Insomma Viale Manzoni, anche se non lo sa, si prospetta a diventare una piattaforma culturale niente male. Speriamo che le novità si sappiano mettere a sistema tra loro e che vengano valorizzate. Ovviamente una riqualificazione (allargamento dei marciapiedi, eliminazione della sosta ai lati degli stessi) del Viale non sarebbe affatto cosa sgradita. Come non sarebbe cosa sgradita un progressivo restyling di tutto il Galilei, una struttura davvero mastodontica, guardatela dal satellite: è contornata in rosso mentre il ‘nostro’ Palazzo della Creatività è quel quadratino verde. Cosa si può fare in uno spazio come questo? Di tutto ovviamente. Servizi per il Rione innanzitutto: sportivi, scolastici, aggregativi. Residenze di qualità. Una gran quantità di parcheggi per eliminare le auto dalle strade e trasformare in un salotto tutto il circondario.
Insomma, giusto per augurarci che il Palazzo della Creatività, o come si chiamerà questo progetto della Provincia che anticipiamo, sia solo l’inizio di una riqualificazione e di una restituzione alla città di questo grandissimo lotto urbano oggi semi abbandonato.

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. anonimo says:

    Grande Zingaretti, sta facendo un ottimo lavoro. Tanto che nel PD si comincia a vociferare di una sua possibile investitura a livello nazionale come candidato leader in caso di elezioni anticipate a primavera. Francamente spero di no, lo vorrei al Comune di Roma nel 2013, per farci dimenticare in fretta il neo-medioevo che Aledanno e la sua cricca ci stanno facendo vivere.

  2. Anonymous says:

    sarebbe bellissimo!

  3. Marcus says:

    In un complesso del genere un’amministrazione lungimirante potrebbe creare tanti posti auto da cambiare il volto all’Esquilino, per lo meno dal punto di vista della sosta!!

  4. sessorium says:

    Bravo Marcus, se cresciamo con questo convincimento magari i nostri nipoti, anzi facciamo i figli dei nostri nipoti, potranno vedere una città normale.
    Ma te lo immagini un megaparking la sotto dove mettere tutte le auto del rione liberando le strade. Si potrebbe fare un collegamento diretto via tapis-roulant con la metropolitana, la distanza è meno di 50 metri…

  5. Anonymous says:

    eh certo. er “palazzo della creatività”. n’antro baraccone inutile realizzato da un ente inutile coi sordi nostri, tanto pè dà quarche posto all’amici dell’amici.
    e bravi.
    zingaretti…..alemanno…..ancora che state a discute ? ancora n’avete capito ?

  6. dionisio says:

    @marcus:
    magari potrebbero fare una doppia cosa come hanno fatto a madrid: http://www.repubblica.it/motori/motori/2011/01/19/foto/il_parcheggio_si_nasconde_centro_storico-11389188/1/?ref=HRESS-17

    che poi sarebbe bellissimo, un polo “multifunzionale”!

  7. Marina says:

    Qualunque cosa facciano va bene, basta che si elimini lo squallore e il degrado almeno di questo tratto di strada ! Sembra Berlino est anni cinquanta !!!

  8. Marcus says:

    Bello, Dionisio! l’avevo visto ieri su Repubblica…
    Consente di stipare moltissime macchine, mantenendo una facciata armonica con il centro storico!

Inserisci un commento



(facoltativo)