Subscribe via RSS Feed

Troppo scomodo? Cartellopoli.com non c’è più…

Hackerato? Cancellato da Google, sui cui server era ospitato, su segnalazione di qualche utente? Cancellato da Google su richiesta di qualche Pubblico Ministero che sta indagando contro il blog ed il blogger?
Non lo sappiamo, davvero non lo sappiamo.
Sta di fatto che Cartellopoli, il blog che aveva messo a muro e reso inconfutabile (grazie a foto, video, confronti con la situazione precedente) l’invasione dei cartelloni pubblicitari nella città di Roma, il blog che aveva sottolineato la presenza del crimine (più o meno) organizzato nel settore, il blog che aveva mostrato in maniera palese le connivenze tra cartellonari e pubblica amministrazione è stato cancelato.
Non ce n’è più traccia. Non esiste più. Tutto l’archivio è andato perso. Le migliaia di commenti, le foto, i tantissimi video, tutto. Addirittura non c’è traccia della transazione economica, svoltasi sempre entro i canali di Google, per l’acquisto del dominio ‘www.cartellopoli.com’. Non c’è più traccia di nulla. Mistero fitto.

Ci auguriamo solo che questa sia l’ultima prepotenza di una lobby micidiale che da quarant’anni umilia la città di Roma. Ci auguriamo che sia il segnale della loro debolezza. Ci auguriamo che tutto l’immane lavoro fatto in 10 mesi non sia vano. Ci auguriamo di aver instillato nella testa di tante persone il germe della legalità, della bellezza, del rispetto. E dell’odio, del profondo odio, verso i prepotenti, verso i banditi, verso le tante mafie che spremono Roma fino a ridurla nelle condizioni d’emergenza in cui è. Se un giorno ci troveremo a vivere in una città normale, sarà anche grazie ad esperienze come quella di Cartellopoli…

Share

si parla di:

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (50)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    non so che dirti….bah ! Non è che l’hai chiuso tu ? scusa ma ricordo che avevi parlato di questo proposito !
    Su eventuali indagini prova a sentire qualche avvocato , la procedura comunque mi sembra un pò strana. Più che cancellare dovevano notificarti le indagini.
    Hacker ? in questa eventualità dovresti rivolgerti subito alla polizia postale.

  2. Anonymous says:

    sai ci stavo pensando , per me da escludere sia la denuncia e sia gli hacker perchè avrebbero colpito anche gli altri blog che gestisci (e poi soprattutto perchè solo ora ? ).
    A meno che, involontariamente, hai scoperto qualcosa….magari non l’hai nemmeno capita però chi di dovere è intervenuto subito !
    Ricordi gli ultimi post che hai fatto ?

  3. Noonno says:

    Nella cache di google c’è ancora.
    Cartellopoli

  4. Riccardo says:

    Fosse un’inchiesta sarebbe stato sostituito con la pagina di avviso delle Polizia Postale, più probabile che si tratti di hacker o di problema tecnico.

    Devi attendere che Google ti dia la sua versione.

  5. Massimiliano Marsico says:

    Noooooo!!!!

  6. Propendo per un problema tecnico o un hackeraggio… Se ci fosse un’indagine avresti in mano un avviso di garanzia.

  7. Flavio Gioia says:

    Vai subito alla polizia

  8. Anonymous says:

    ogni spiegazione ha dei pro e contro .Anch’io credo che un’indagine si svolga in maniera diversa…sottolineo credo. Però va anche detto che non ho mai sentito di un hacker che riesce a chiudere un blog . Possono causare problemi ma addirittura chiuderlo.

  9. Anonymous says:

    allora ho girato in rete e devo dire che non ho trovato nulla sugli hacker. Ho trovato, ovviamente, interventi della polizia postale (e su questo dovresti sapere già qualcosa…o al massimo lo saprai a breve) e poi ho trovato questo sito
    http://pcalmeglio.altervista.org/GoogleChiudeBlog.html

    anche google chiude blog in caso di lamentele e violazioni del regolamento. Prova a contattare google e guarda che ti rispondono . Propendo per quest’ultima ipotesi. Forse hai pagato anche il post sui consiglieri comunali che ti vantavi di avvicinarli al termine merda (o qualcosa del genere) nelle ricerche google .

  10. Anonymous says:

    come non detto, ho letto meglio e google prima di chiudere il blog manda degli avvertimenti..suppongo non ti sia arrivato nulla.

  11. Pincio says:

    A volte una denuncia fa scattare direttamente la chiusura del blog. Ma non so se sia definitiva.

  12. sessorium says:

    In effetti non ho ricevuto niente. Posso comprendere che qualcuno abbia richiesto la chiusura, ma che non arriva manco una mail? Non ho ricevuto nulle ne dal provider (che è Google) ne dalla Magistratura.

    E’ probabile che quel post sugli uomini di merda abbia fatto smuovere qualcuno, quello che mi sembra strano però è che nel mio profilo utente non ci sia traccia alcuna di nulla. Nel cruscotto operativo non è che c’è scritto “blog sospeso” o roba simile. E’ tutto pulito, come se non ci sia stato nulla prima d’ora. E naturalmente ne il sito http://www.cartellopoli.com, che ho pagato, ne il sito http://cartellopoli.blogspot.com sono utilizzabili.

    E’ grave perché Google mi considera colpevole (di cosa?) prima ancora di essere stato condannato. Mi oscurino il sito dopo un processo e dopo una condanna penale per diffamazione, non prima.

  13. Anonymous says:

    ho cercato su internet i nomi di quel post, uno è avvocato . Comunque da come dici è stata sicuramente un’ operazione di google …vi pare che un hacker riesce a far sparire del tutto un blog. Chiedi al provider e guarda che succede.

  14. Anonymous says:

    Probabilmente ci si è avvicinati a verità molto scomode, davvero molto scomode per qualcuno al potere, locale e nazionale…

  15. Anonymous says:

    Nella cache di google è reperibile tutto il sito, consiglio di salvare e fare copia in locale di tutto il blog.

  16. fitzcarraldo says:

    Per le foto puoi contare su di me..accertati dell’origine..ma possiamo riaprirlo…
    Cartellonia potrebbe essere l’erede..
    Coraggio..non facciamoci intimidire da questa feccia!

  17. Marco says:

    Io andrei alla polizia postale… anche solo per avere conferma che la chiusura non è partita da loro, o se qualcuno ha magari segnalato i contenuti del blog ma loro non hanno ritenuto di intervenire (penso siano obbligati a dirtelo se glielo chiedi) . Google dovrebbe mandarti almeno un messaggio.

    Comunque da come scrivi non capisco se intendi aprirne un’altro con gli stessi contenuti o no…. io spero di sì.

  18. pirro says:

    Bisogna anche avvertire la stampa. Se fosse una chiusura operata dal regime o dalla mafia tutti i cittadini lo dovrebbero sapere per capire in che mondo viviamo!!

  19. Anonymous says:

    Berlusconi e il pdl sono amici di Putin… e ho detto tutto

  20. Anonymous says:

    Signore e signori quello che è successo a http://www.cartellopoli.com è di una enorme gravità.
    Qualcuno sostiene che le coincidenze non esistono.
    scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere scrivere
    tutti ai giornali, come sto facendo io.
    grazie della collaborazione.
    con l’aiuto di tutti risorgerà più incazzato di prima.

  21. Anonymous says:

    io la mia email ai giornali l’ho mandata

  22. Alfredo says:

    E’ sempre divertente in questi casi vedere i complottisti di professione in azione, quelli che parlano genericamente di “poteri forti”, o “loro”.

    Il luogo dei misfatti di solito è Facebook e i profili “misteriosamente scomparsi”, questa volta è toccato a Google. Qui la situazione stra-sa tantissimo di problema tecnico. A occhio domani tutto tornerà a posto.

    Ma vi immaginate il cartellonaro che hackera il sistema più impenetrabile del mondo (Google), così, senza lasciare segnali, senza rivendicazioni né niente? Se lo sapesse fare, non avrebbe bisogno dei cartelloni tralaltro.

  23. Les says:

    Stamattina niente cartellopoli, come ieri.
    Io che non sono complottista, aspetto notizie, spero che sia un problema tecnico o una brusca chiusura da parte della magistratura, che sarà utilizzabile per far comprendere ai media quanto sia potente la lobby dei cartelloni.
    Se invece fosse un hacker pagato dai cartellonari, ci troveremo di fronte alla prova che questa gente è passata a un livello successivo: cerca di mettere a tacere le voci che denunciano le loro attività illegali.
    Sarebbe un fatto gravissimo e dio non voglia un preludio a chissà quale genere di intimidazioni.
    Se così fosse, e spero vivamente non lo sia, è arrivato il momento che il Comune faccia qualcosa contro le ditte che il 2 dicembre continuano ad installare cartelloni in tutta la città.

  24. Nokia1 says:

    Se fosse stata un’autorità, avrebbero avvisato il titolare.
    Se fosse stato google, avrebbero avvisato.
    In ogni caso ci sono dei sistemi di backup dei siti, che ogni tot tempo copiano tutto su dei server, quindi bastava organizzarsi e nula andava perso.

    Cque sempre mafie e corruzioni dietro i cartelloni, e loro sì che continuano ad installare !

  25. anonimo says:

    contattate google e fatevi dire i motivi dell’offuscamento.

  26. Anonymous says:

    Ero convinto fosse solo un problema tecnico ma ora – dopo aver letto i vostri post – è chiaro che c’è qualcosa di più. Massimiliano devi immediatamente sporgere una denuncia alla polizia postale. Lo puoi fare solo tu, in quanto titolare del dominio che hai correttamente pagato.
    Nel frattempo noi tutti dobbiamo raccogliere quante più firme possibili (attraverso degradoesquilino, basta cartelloni e tutti gli altri canali) e inviarle ai giornali che si sono dimostrati i più sensibili all’argomento (repubblica, corriere e messaggero). In particolare credo che Massimiliano possa contattare i giornalisti più attenti al tema cartelloni. Se volete mi incarico io di scrivere la lettera/appello che poi tutti potremo firmare.
    Non c’è tempo da perdere: sia se a chiudere il blog è stato Google, sia – a maggior ragione – se è stata la polizia postale. Ovviamente sarebbe terrificante se fosse stato un hacker pagato dai cartellonari, ma tendo ad escluderlo. Anche se non si sa mai.
    Allora diamoci da fare, coraggio! E’ in questi momenti che non bisogna lasciarsi andare allo sconforto.
    Filippo

  27. sessorium says:

    Si, ma FISICAMENTE dove si va quando si deve andare dalla Polizia Postale, scusate!?

  28. Marco says:

    ^^
    Compartimento Polizia Postale Lazio

    Viale Trastevere, 191
    00100 (ROMA – RM)
    telefono: 065813429

    Magari fai una telefonata prima, per sapere se per una denuncia devi andare proprio lì.

  29. Anonymous says:

    sta a trasevere….ma scusa che gli vai a dire ? E denunciare cosa ? Se non sappiamo neanche che è successo. Aspetta la risposta di google,credo ti debbano rispondere per forza.

  30. Andrea Lesti says:

    Massimiliano, l’esperienza è stata utilissima e ti prego di continuare, ti consiglio inoltre di registrare un nuovo dominio, magari con un altro hosting, e cercare di ricostruire ciò che si può…Cartellopoli non deve morire !!!

  31. sessorium says:

    Ho telefonato alla polizia postale all’indirizzo che mi avete dato. Ho raccontato di Cartellopoli e mi sono stati a sentire, hanno controllato e secondo loro non c’è niente. Hanno comunque detto che in caso di intervento da parte loro si sarebbero fatti sentire innanzitutto con me.

    Non so cosa pensare. Come avete visto ci sono ben due ticker nel forum di assistenza di Google, ma non rispondono.

  32. anonimo says:

    il problema proviene dal server che ospita cartellopoli. e google non lo trova.
    ma il tuo provider che ti da il dominio l’ftp te lo fa fare come utente e psw???????????

  33. Nokia1 says:

    Il dominio cartellopoli.com risulta proprio cancellato.
    Se avete una copia del sito, registrate cartellopoli.org o net e in 1 un gg è tutto come prima.
    Poi magari mettete qche barriera di siucurezza in più, credo che per un buon informatico cancellare un sito non sia un problema.

    Mafie e hackeroni dietro i cartelloni

  34. sessorium says:

    Ma come cancellato. Io l’ho pagato. Come è possibile? E poi se fosse cancellato lo si potrebbe ri-registrare… Non capisco, cazzo!

  35. bluantinoo says:

    ma hai chiesto a google?
    la cosa sembra piuttosto assurda… propendo per il problema tecnico…

  36. Nokia1 says:

    Ma infatti non l’hai cancellato tu.
    Hanno tolto il sito e cancellato il dominio !
    Vai su aruba.it e vedi se è disponibile, esce questo:
    Domain Name: CARTELLOPOLI.COM
    Registrar: GODADDY.COM, INC.
    Whois Server: whois.godaddy.com
    Referral URL: http://registrar.godaddy.com
    Name Server: NS55.DOMAINCONTROL.COM
    Name Server: NS56.DOMAINCONTROL.COM
    Status: clientDeleteProhibited
    Status: clientRenewProhibited
    Status: clientTransferProhibited
    Status: clientUpdateProhibited

    Fatti supportare da un buon tecnico e la risolvi

  37. Forse ti hanno fregato il dominio…Non so come abbiano fatto (falsificato la documentazione forse)

    Era meglio se registravi .it perché avresti potuto interfacciarti con il “Registro” italiano dei domini del CNR. Sarebbe stato più facile recuperarlo…

    In bocca al lupo Massimiliano, hai tutta la mia solidarietà. Anche perché in questi giorni ho fatto un po’ di foto con il cellulare sulle solite schifezze installate dai soliti noti dalle mie parti…Spero di poterle vedere presto su Cartellopoli! :)

  38. anonimo says:

    Guardate qua da http://www.whois.com:
    1_o ti sei trasferito il dominio
    2_oppure qualcuno lo ha fatto a tua insaputa.

    Registrant:
    Domains by Proxy, Inc.
    DomainsByProxy.com
    15111 N. Hayden Rd., Ste 160, PMB 353
    Scottsdale, Arizona 85260
    United States

    Domain Name: CARTELLOPOLI.COM
    Created on: 10-Feb-10
    Expires on: 10-Feb-11
    Last Updated on: 10-Feb-10

    Administrative Contact:
    Private, Registration
    Domains by Proxy, Inc.
    DomainsByProxy.com
    15111 N. Hayden Rd., Ste 160, PMB 353
    Scottsdale, Arizona 85260
    United States
    +1.4806242599 Fax — +1.4806242598

    Technical Contact:
    Private, Registration
    Domains by Proxy, Inc.
    DomainsByProxy.com
    15111 N. Hayden Rd., Ste 160, PMB 353
    Scottsdale, Arizona 85260
    United States
    +1.4806242599 Fax — +1.4806242598

    Domain servers in listed order:
    NS55.DOMAINCONTROL.COM
    NS56.DOMAINCONTROL.COM

  39. Anonymous says:

    sentite qualcuno che ci capisce qualcosa di informatica perchè non lo spiega in maniera semplice ? C’è bisogno di mettere queste cose indecifrabili ?

  40. Mario says:

    Immagino che tu non stessi usando godaddy come provider del dominio. Al momento il dominio è stato portato li, ed hanno utilizzato la clausola di protezione della privacy, in pratica non puoi vedere chi è il titolare del dominio.

    Ti consiglio di andare alla polizia postale e fare una bella denuncia, ci sta di mezzo il penale visto che si potrebbe configurare una violazione informatica.

    Nello stesso tempo contatta per le vie brevi (possibilmente telefono) il precedente provider del dominio e chiedi urgentemente spiegazioni sul trasferimento del dominio. Digli che stai per procedere alla denuncia o che l’hai già fatta. In ogni caso la polizia postale sulla base della denuncia potrà interpellare il provider e risalire all’IP di chi ha fatto il trasferimento. Con un po di fortuna, se non è uno troppo smart, potrebbero anche beccarlo.

    Il dominio potresti anche riuscire a recuperarlo, ma ci vorrà tempo, intanto tu inizia a fare tutta questa trafila. Ah contatta anche godaddy, spiegagli la situazione e informali che stai facendo un’azione legale.

    Buona fortuna…

  41. Mario says:

    Ah, magari per la denuncia aspetta prima a sentire che ti dice google.

    I DNS puntano ancora a loro, potrebbe anche essere solo un impiccio tecnico.

    Una volta che loro ti confermassero un trasferimento di dominio parti con la denuncia… e contatta di nuovo google e godaddy.

  42. Mario says:

    Ho fatto un giretto e sono propenso a pensare che sia un problema tecnico di google.

    Insisti con il contatto con loro, sembra che il server ed il dominio siano sempre da loro e non abbiano subito modifiche…

    http://toolbar.netcraft.com/site_report?url=http://www.cartellopoli.com

  43. Nokia1 says:

    Italia bel paese.

    Il rapinatore denuncia la Polizia perchè lo insegue
    L’evasore denuncia il fisco perchè lo perseguita
    L’abusivo denuncia i vigili
    I cartellonari denunciano cartellopoli

    Viva l’Italia viva il re

  44. Asgard1 says:

    Che cosa assurda. Roba da farne parlare i giornali della capitale. La cittadinanza è stufa di questa ARROGANZA. La legalità deve imperare, non essere devastata da quanti fanno il loro sporco interesse.

    Intanto, guardate qui il cartellone…

    http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/12/02/foto/via_erbacce_e_scritte_dei_writer_pulizie_alla_stazione_aurelia-9782226/3/

  45. luca says:

    Ragazzi, tocca aprire subito un nuovo cartellopoli, magari sotto altro nome del sottoscrivente, con gli stessi contenuti. Poi dobbiamo continuare ad imbrattato e a staccare. Questo è il vero motivo per i mafiosetti si sono mossi.
    Io domani scriverò al Fatto Quotidiano, giornale molto sensibile ai problemi mafiosi. Vi invito a tal proposito a fare lo stesso.
    Dai ragazzi, continuiamo a lottare e restiamo uniti

  46. Tiziano says:

    Essendo uno che ci lavoro su ‘ste cose, vi dico che se c’è stata una denuncia che ha segnalato un illecito (non chiedetemi quale) pubblicato sul sito, con una richiesta preventiva nei confronti del sito e questa sia stata accolta dal GIP (Giudice per le Indagini Preliminari) il quale l’abbia poi accolta emettendo un ordine cautelativo di sospensione del sito, l’organo di polizia procedente l’ha poi semplicemente notificato alla società che ospita il sito che di conseguenza ha eseguito l’ordinanza. L’unica cosa che mi pare strana è che tale provvedimento non sia stato ancora notificato all’intestatario del sito, fatto previsto per legge.

  47. Legione Monteverde says:

    Ciao Ragazzi, siamo sulla strada giusta questi delinquenti cominciano ad avere veramente paura.
    Invito tutti a fare la colletta per sostenere
    Cartellopoli, sul sito “Roma fa schifo” è facilissimo e ci si impiega 2 minuti.

    MAFIA E CORRUZIONE DIETRO I CARTELLONI!!!

  48. Franco says:

    Visto che qualcuno ha pagato per il sito io direi di inviare una diffida a GOOGLE

    BOICOTTA GOOGLE TOGLILO DALLA SCHERMATA INIZIALE SCEGLI UN ALTRO MOTORE DI RICERCA!!!

  49. Daniela says:

    Ma come é possibile?
    Non si sa ancora il motivo?
    Comunque bisogna fare di tutto per riaprire un altro cartellopoli.
    Infatti i caretlloni stanno riapparendo!!!

Inserisci un commento



(facoltativo)