Subscribe via RSS Feed

Come è ridotta Piazza Vittorio?

Si tratta di una lettera che un cittadino ha inviato ad alcuni giornali. La ripubblichiamo qui perché dimostra come certi temi stanno passando e permeandosi entro tutta la cittadinanza. In particolare uno dei nostri cavalli di battaglia: il suolo pubblico non è delle bancarelle e non è della sosta selvaggia! La strada di questo cittadino è la strada giusta, ma queste campagne avranno forza solo quando diventeranno campagne di massa. Solo quando le mail su questo tenore saranno centinaia se non migliaia. Allora sì…

Buon giorno; vi allego il testo di una mail che sto spedendo regolarmente da giorni all’indirizzo sindaco@comune.roma.it, ovviamente altrettanto regolarmente senza ricevere alcuna risposta; chissà che il signor Sindaco, oggi senza dubbio più attento a parentopoli che ai problemi dalla città che ha promesso di gestire e migliorare, non presti più attenzione leggendola sul vostro giornale… Grazie.

————————-

Buon giorno signor Sindaco.

Il mio è un invito, un invito a venire in prima persona, e possibilmente in incognito per evitare che tutto venga opportunamente “apparecchiato” perché arriva il Sindaco, al quartiere Esquilino.
Più in particolare, venga a vedere quella che una volta era una delle più belle piazze d’Italia, Piazza Vittorio Emanuele II, ridotta ormai a latrina a cielo aperto e bivacco quotidiano per quanto riguarda il giardino, ed a “casbah” ingiustificabile ed assurda per quanto riguarda una buona parte dei portici, peraltro bellissimi – ancorché sporchi e male illuminati – quando non sono occupati da bancarelle di vendita di vario genere (cosa questa che avviene invece sistematicamente…).
Venga la prego, signor Sindaco, e una volta verificato quanto le sto dicendo, cerchi di convincermi che è giusto che io, cittadino che paga esattamente le stesse tasse e gli stessi tributi di chi vive in altre zone di Roma, dicevo cerchi di convincermi che è giusto che io per rincasare debba aggirare auto e furgoni parcheggiati in doppia e terza fila, debba aggirare bancarelle la cui mercanzia – senza offesa per chi la vende – è meno interessante e attraente di quella di qualunque paese del terzo mondo….
Venga la prego a spiegarmi perché se io lascio liberi nel giardino i miei due cagnolini – che insieme non raggiungono i dieci chili di peso – vengo spesso redarguito dai peraltro quasi mai presenti per altre incombenze Vigili Urbani, mentre gli stessi nulla dicono o fanno nei confronti di coloro che in pieno giorno si “appartano” – si fa per dire… – e orinano sui tronchi degli alberi o sulle mura che circondano il giardino….. Alle mie rimostranze in merito l’altra sera un vigile ha risposto “e che gli facciamo, andiamo lì e glielo tagliamo ?”
Signor Sindaco, lei che dice ? Se lo facessero sotto casa sua, lei sarebbe felice ? I Vigili Urbani in quel caso starebbero a guardare fingendosi impotenti ? Io non credo….
Venga la prego, signor Sindaco, e provi a smentire la mia convinzione che ormai non c’è più speranza…. che non saremo noi ad educare e far crescere gli extra-comunitari verso il nostro livello sociale e culturale, ma piuttosto saranno loro a vincere la battaglia e saremo quindi noi a “scendere” al loro livello….battaglia che secondo me hanno già vinto, peraltro, se mi guardo intorno.
Venga signor Sindaco, la aspetto… ma la prego, non venga con la scorta e le fanfare… altrimenti lo “spettacolo” ne soffrirà.
Cordiali saluti.

Riccardo Crisciotti

PS: un’ultima domanda….ma perché mentre è il Comune ad incassare la Tassa per Occupazione Suolo Pubblico dalle bancarelle sotto i portici, poi se la pavimentazione si rompe a pagarla devono provvedere i proprietari dei palazzi di cui lo stesso portico fa parte? Lei lo trova giusto?

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Oronzo says:

    Poichè la piazza appartiene al I municipio sarebe opportuno girare la lettera, da sottoscrivere interamente, a Corsetti. Un paio di anni fa rispondeva.

  2. Massimo Livadiotti says:

    Il vero scandalo di Piazza Vittorio sono gli ennesimi inutili lavori che sono iniziati nei giardini!!!Signori…soldi buttati letteralmente nel cesso!E qui Corsetti non c’entra….si rattoppa quell’orribile piramide mozza per la terza volta!!Lo capirebbe anche un bambino che è un progetto nato male,con il prato che muore per il fatto che c’è troppa poca terra e sotto la terra addirittura una guaina!!!!Niente da fare…e addirittura si rifà l’impianto (inutile..) di irrigazione per la terza volta???E nel frattempo sono già morte 3 palme nell’indifferenza più totale!!!Ne rimangono altre 13 di palme Phoenix nei giardini di piazza Vittorio e il servizio giardini sa benissimo che se non si abbattono quelle morte(piene di larve di coleotteri..)le altre nel giro di 1 o 2 anni moriranno tutte….dicono che i costi di abbattimento sono alti?Allora perchè spendere soldi in inutili lavori mentre le bellissime palme secolari muoiono???A proposito di vigili a Piazza Vittorio….ogni giorno tutti gli accessi ai giardini sono assaliti di macchine e furgoni parcheggiati davanti ai cancelli in piena zona rimozione e passaggio pedonale!!Ebbene avete mai visto una sola rimozione? Due anni fà un’ambulanza non è riuscita a entrare da un cancello ostruito dalle macchine per soccorrere una persona all’interno dei giardini…e ha dovuto fare il giro 2 volte!!!

  3. anonimo says:

    faccio notare che la piazza Vittorio ormai è di stretta comptenza del Sindaco e che il Municipio segnala doverosamente ogni accadimento, non ultimo quello tragico delle palme e le risposte sono sotto gli occhi di tutti.Mi dispiace ma è cosi Letizia Cicconi

  4. Alvaro says:

    Alemanno non si discute si ama

Inserisci un commento



(facoltativo)