Subscribe via RSS Feed

Cartellopoligate: Catarci (presidente del XI Municipio, “mobilitiamoci contro l’oscuramento del blog Cartellopoli”

Un comunicato stampa diramato in data odierna dalla presidenza del XI Municipio. Un bellissimo testo di supporto, solidarietà e sostegno in un momento molto complicato. In un momento in cui ci rendiamo conto che battersi contro crimini e prepotenze prevede dei micidiali prezzi da pagare. In un momento in cui manca qualsiasi appoggio, in cui financo la magistratura appare come una entità cui si ha il diritto di chiedere: “ma voi da che parte state?”, “ma voi perché avendo su un piatto una denuncia contro un blog di protesta civica e su un’altro una denuncia contro un cartellone abusivo e pericoloso decidete di procedere nel primo caso e di far finta di non aver manco visto il secondo?”.

Dal febbraio 2010 il blog Cartellopoli è stato un prezioso strumento di informazione e comunicazione nell’ambito della protesta contro i cartelloni selvaggi, mettendo insieme foto, contributi, lettere, rassegne stampa, comunicati, raccogliendo firme per la Delibera di Iniziativa Popolare e raccontando le azioni dei cittadini contro gli impianti pubblicitari che deturpano Roma. Proprio aver pubblicato le immagini di uno dei tanti blitz ha comportato l’oscuramento ed il sequestro del sito dal 1 dicembre, con una ditta che ha accusato Cartellopoli di istigazione ai danneggiamenti subiti dai loro impianti.
Siamo veramente all’assurdo: le 310 aziende di affissione non incappano quasi mai neanche nelle sanzioni previste da quella Delibera 37/09, voluta dalla Giunta Alemanno, che ha dato il via allo scempio della città, mentre chi fa della denuncia e del sostegno democratico ad una battaglia la sua stessa ragion d’essere viene cancellato. Altrettanto incredibile è che i presunti danneggiamenti di qualche impianto siano così tutelati mentre quelli subiti dalla Pubblica Amministrazione, in termini di marciapiedi bucati e divelti, di restrizione alla libertà personale di camminare sugli stessi, di oltraggio a quel bene dell’umanità che è il Parco dell’Appia Antica, a tutt’oggi non siano tenuti in nessuna considerazione: infatti non ha ancora avuto seguito l’esposto, con allegati verbali di Polizia Municipale e Guardiaparco, che il Municipio Roma XI ha presentato sette mesi fa, come parecchi altri presentati contro le ditte.
Nelle ultime settimane il Municipio Roma XI ha prima organizzato un incontro di discussione e poi il Consiglio municipale aperto sul tema della bonifica necessaria di Roma da quei cartelloni che proprio Cartellopoli stima in 150.000. Oggi, unendoci al coro di indignazione per lo scandaloso oscuramento di una preziosa voce democratica, si ritiene fondamentale la difesa della significativa esperienza e si propone di dar vita, sempre nel Municipio Roma XI, ad un’altra assemblea, pubblica e di solidarietà, con i materiali e lo spirito battagliero che ha caratterizzato Cartellopoli fin dal primo giorno.

Andrea Catarci (SeL), Presidente del Municipio Roma XI

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (22)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    GRANDIOSO CATARCI!
    UNITI SI VINCE.
    Mc Daemon

  2. ACHILLE says:

    A regà, la organizzamo sta manifestazione?

  3. ACHILLE says:

    QUEI TERRORISTI DI “CARTELLOPOLI”

    http://perilmioquartiere.splinder.com/post/23695089/quei-terroristi-di-cartellopoli

    I blog sono tutti con Cartellopoli

  4. blue says:

    Sono con cartellopoli.
    Siamo al paradosso. Ma che razza di Paese è questo?

  5. Franco says:

    Nessuno dovrà mancare a questo appuntamento.
    Non possono pensare che oscurando Cartellopoli la battaglia sia finita e Roma debba rassegnarsi a subire lo SFREGIO di 150.000 cartelloni brutti, squallidi, violenti, invasivi come la gramigna.
    Questa volta OGNUNO di noi deve sentirsi investito dalla responsabilità di difendere la bellezza,la civiltà e lo Stato di diritto.
    Nel frattempo la stampa che fa?
    Cosa aspettano? Che alla prossima foto di cartelloni abusivi chiudano il Messaggero o Repubblica..? Che Paese allo sbando..

  6. La civiltà è finita, rassegnamoci. says:

    Catarci, nobile eccezione che non smentisce la regola della politica e della cittadinanza IGNAVA, solo qualche volta collusa ma quasi sempre semplicemente, protervamente pavida e orgogliosamente menefreghista

  7. piero says:

    Orgoglioso come non mai di vivere nel Municipio XI del Presidente Catarci. Non si ferma davanti a nessuno per la città, cartellonari, Vaticano e costruttori hanno un unico argine in tutta Roma: Catarci! Grazie Presidente, continua così noi invece dobbiamo svegliarci un po’ e darti una mano maggiore

  8. Anonymous says:

    condivido l’idea di riorganizzare la manifestazione anti-cartelloni e contro l’oscuramento di cartellopoli.

    Mc Daemon

  9. Davanti il tribunale mi auguro… Almeno si renderanno conto che esiste il problema “cartellopoli”.

  10. Benjen says:

    oggi trafiletto sulla repubblica…

  11. Trafiletto? E’ uno scandalo gigantesco e questi dedicano un misero trafiletto?

  12. Massimiliano Tonelli says:

    Precisamente: uno scandalo nazionale che merita solo un trafiletto. C’è qualcosa che non torna…

  13. Flavio Gioia says:

    E “il giornale di Roma, da sempre” che fa, tace?

  14. ACHILLE says:

    Non ci vorrà molto a dimostrare che questi blog sono mossi da impegno civico e non da volontà di vandalizzare! Abbiamo una credibilità costruita in anni di inchieste e duro lavoro.

  15. Andrea Lesti says:

    Complimenti vivissimi a Catarci !!!

  16. MATTEO says:

    segnalo anche un intervento di Nanni (consigliere comunale PD credo) che è uscito con la seguente agenzia

    CARTELLOPOLI – NANNI (PD): “CITTA’ FUORI CONTROLLO”
    “Spero che la vicenda dell’oscuramento del blog ‘Cartellopoli’, sito che denuncia gli impianti pubblicitari abusivi, venga chiarita al più presto”. A dichiararlo, in una nota, il componente dell’Assemblea Capitolina Dario Nanni. “Come avevo già dichiarato nel mio intervento in Aula la scorsa settimana, durante l’assestamento di Bilancio, la nostra città si sta distinguendo per l’incontrollata presenza di numerosi cartelloni, dando l’immagine di una città fuori controllo. Oltre al pessimo spettacolo che viene offerto ai suoi cittadini e ai turisti, è in ballo la legalità e la trasparenza di questa Amministrazione. A questo punto presenterò un’interrogazione urgente per sapere cosa sta facendo l’Amministrazione e con quali risultati. Invito da subito il Sindaco e l’Assessore Bordoni a dare segnali forti su questa vicenda, che è diventata ormai insopportabile”.

  17. ACHILLE says:

    Quando Nanni parla di segnali forti da parte del Comune cosa si aspetta? Forse dei forti e rumorosi peti? Parliamo chiaro, vogliamo che il Comune ci dica da che parte sta!!!!!

  18. Anonymous says:

    ecco il trafiletto pubblicato da Repubblica in data 5/12.
    peccato che Repubblica manchi l’occasione, o almeno spero solo momentaneamente, di offrire uno spaccato di cosa sia questo paese e la sua degna capitale.

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/12/05/oscurato-il-sito.html

  19. Anonymous says:

    e il sito del Comune riporta il link di Repubblica:

    http://www.rassegnastampa.comune.roma.it/View.aspx?ID=2010120517342132-1

  20. Anonymous says:

    e bravi i cartellonari e i loro avvocati ex galeotti…
    visto cosa avete ottenuto? visto la vostra incontenibile ingordigia dove vi sta portando?
    per voi stanno per scoccare le ultime ore.
    buone feste

  21. Valerio says:

    La manifestazione la farei nel municipio dove sta Catarci, solo se ci da’ una mano lui possiamo sperare di avere un po’ di attenzione dalla stampa come nel caso dell’assemblea che ha organizzato lo scorso ottobre. Non siamo solo noi a ringraziare catarci ma la città tutta

  22. Fitzcarraldo says:

    Intanto NON MANCATE al Consiglio straordinario del 17° municipio, su “cartellone selvaggio” che si terrà Martedi 21 dicembre alle 15 in Circonvallazione Trionfale 19..è stato invitato anche Bordoni..

Inserisci un commento



(facoltativo)