Subscribe via RSS Feed

Tassinari incastrati

Immaginatevelo: entrare nel taxi, leggere il codice del tassista o il codice dell’auto, inviarlo al volo via sms ad un centro servizi che vi risponde con un altro sms dove sono specificati tutti i commenti che gli altri utenti hanno da fare su questo taxi. Tipo “attenzione, con me ha fatto il giro de peppe”. “Tutto regolare, ha fatto la strada correttamente”. “Ha preteso prepotentemente la mancia, ero sola, era notte e mi sono impaurita e gliel’ho data”. E così via. Il social network degli utenti del servizio taxi è in funzione, si chiama Safer Taxi ed è già attivo a Buenos Aires e Londra. A Roma potrebbe significare la svolta per mettere al muro quella corposa minoranza marcia dei tassinari…

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Mi piace l’idea… Però questo vuol dire che anche a Buonos aires e Londra hanno problemi analoghi.

  2. Andrea Lesti says:

    Ottima idea !

  3. Patrizio says:

    Potrebbe essere un buon metodo per disincentivare i colleghi furbetti ma non pensate che i veri ladri vengano condizionati da questi sistemi. Per loro serve solo un bel verbale del GpIT e regolamento comunale che preveda sanzioni severe in caso di recidività.
    Speriamo solo che l’odio atavico per i “tassinari”
    non porti a giudizi in malafede.
    Domanda: ma se sali su un taxi e scopri che è uno di quelli da bollino rosso che fai? E se il tragitto dura 5 minuti?
    Patrizio

  4. Massimiliano Tonelli says:

    Bhe, quanto meno stai più attento… All’erta.

  5. Marcus says:

    Non male, si può provare, anche se il codice Taxi dovrebbe essere esterno all’auto,così da “sbirciarlo” prima di salire… Una volta a bordo, ora che arriva l’SMS di risposta,la vedo un pò più difficle dire “Basta scendo!”.

  6. Forse funzionerebbe bene quando prenoti il radiotaxi. La sigla taxi (roma34, bologna21, etc.) la vieni a conoscere qualche minuto prima…

    Comunque ha ragione patrizio. I suoi colleghi disonesti devono essere bastonati dalla commissione taxi e dalla municipale.

    A me se succederà qualcosa di strano in un taxi, le poche volte che lo prenderò (costa troppo per le mie tasche ormai) compilerò il modulo di segnalazione illeciti.

  7. Patrizio says:

    @Marcus

    Il “codice” taxi non è altro che il numero di licenza. Lo puoi individuare sugli sportelli anteriori, sul cofano posteriore (di solito vicino alla targa dell’auto) e all’interno della vettura sulla placca metallica sullo sportello posteriore sinistro.

  8. Marcus says:

    Ok! Grazie per l’informazione,se è cosi’ spero che si avvii un processo di selezione dei tassisti. Ce ne sono anche di onesti ed i lestofanti vanno isolati.

Inserisci un commento



(facoltativo)