Subscribe via RSS Feed

Chi rema contro il Parco di Via Statilia

“Avevate detto che al massimo si sarebbe partiti a novembre, siamo quasi a dicembre e non si vede l’ombra di un operaio, perché?”. Già, perché i lavori presso quello che dovrebbe essere il Parco di Via Statilia non partono? Perché il cartello di cantiere esposto adddirittura a Settembre sta lì a scolorirsi mentre sullo sfondo ogni fornice del glorioso Acquedotto Neroniano è diventato una stanza da letto per diseredati? Questo ci scrivono tanti lettori in queste settimane.
Vi sono tanti motivi che spiegano (ma non giustificano) il ritardo. Ma ce n’è uno, in particolare, che è più odioso di tutti gli altri. Ci riferiamo alla presenza sul territorio di un ceffo, di un tizio che sta ingannando i cittadini, li sta sobillando, li sta coalizzando contro i lavori, contro il Parco. Siete liberi di non crederci, ma guardate è proprio così. Il motivo vero è la necessità di protagonismo di certi figuri, il motivo dato in pasto alla gente -solo alla gente ignorante che può seguire questi disturbatori del bene pubblico- è invece il solito: la perdita dei posti auto. Udite udite: il progetto prevede che, in alcuni lati, il giardino non preveda di essere circondato da automobili. Uh, che sacrilegio. Uh, che scandalo. Specie in un’area che non ha alcun problema di sosta. Ripetiamo: non ha alcun problema di sosta.
E dunque? E dunque voi non vi fidate. Nelle chiacchiere all’angolo, nei pourparler al bar, nei discorsi d’ascensore. Non vi fidate di chi porta avanti discorsi di retroguardia, di chi guarda al proprio orticello e non pensa al bene comune, di chi mette sullo stesso piano un posto auto con il verde pubblico. Avete un’arma, potentissima. Rispondere, a questa gente, così: “ma che cazzo stai a dì?”.

Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (12)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marina says:

    Ma non possiamo organizzarci (…naturalmente tutti quelli di buona volontà del quartiere)e organizzare una vivace manifestazione di protesta? O, non so, andare a chiedere spiegazioni e fare sentire le nostre ragioni a chi di competenza al municipio? Pensi che potrebbe servire a qualcosa? Forse no, mi rendo conto,ma sempre meglio di starsene in silenzio, rassegnati e subire, non ti pare?

  2. anonimo says:

    Costituite un Comitatao per il Parco di via Statilia!

  3. anonimo says:

    e se si tratta di poti auto questi so disposti a cambiare idea guarda che hanno fatto di via principe amedeo

  4. Anonymous says:

    Non ci credo . Ti pare che non si costruisce un parco perchè qualcuno solleva dubbi sui posti auto . Le ragione saranno altre.

  5. anonimo says:

    CREDO PROPRIO INVECE CHE I PROBLEMI SONO I POSTI AUTO LA “GGENTE “SENZA LA MACHINA SOTTO CASA STA MALE

  6. donato says:

    -E’ mai possibile che una zona storica di tale importanza debba continuare ad essere abbadonata
    all’attuale degrado ??
    -E’ mai possibile che un semlice proggetto di sistemaazione civile e dignitosa del verde pubblico debba avere un attuazione così travagliata??
    -E’ mai possibile che i nostri rappresentati politici non sentano il dovere di rassicurare e/o chiarire circa il reale stato dei LAVORI!!?
    -E’ mai possibile cari concittadini che dobbiamo essere considerati sempre SUDDITI!!

    E SI CHE E’ POSSIBILE, SE SI STA STARE A GUARDARE, SENZA CHIEDERE CONTO DI TUTTO CIO’, ALTRO CHE “PARCO” REALIZZERAMO UNA BELLA DISCARICA A CELO APERTO CON ANNESSO PARCHEGGIO PER LE MACCHINE.
    SVEGLIAMOCI NON E’ PIU’ TEMPO DI DORMIRE!!!!!!!!
    P.S. FORMIAMO UN COMITATO PRO PARCO di VIA STATILIA

  7. Francesco says:

    Bisogna fermare la calata degli alemanni

  8. anonima says:

    oh ma chi siete pensionati che non vanno a lavorare????
    ah no dimenticavo, voi avete i posti auto condominiali nel vostro giardino privato dei condomini di via toti e via grattoni…
    ebbene una notizia per Voi:
    non abitate solo Voi in questa zona, abitano anche altre Persone con tante esigenze, di parcheggio, di spazio, di tranquillità.
    Volete privatizzare un area che è Pubblica.
    Meno male che il ceffo c’è!!!

  9. Massimiliano Tonelli says:

    Il ceffo c’è ma visto che spara idiozie rimane un ceffo che spara idiozie.
    Macchine nei giardini? Chi scrive la macchina non ce l’ha: venduta. Prova a farlo pure tu, funziona alla grande.
    Privatizzare? Da quando creare un parco pubblico è privatizzare? Da quando usurpare suolo pubblico con le “maghine” significa rendere un’area pubblica? In quale altra città del mondo un monumento importante della romanità può essere circondato di lamiere?

    Vergognatevi di mettere bastoni tra le ruote ad un progetto di riqualificazione che i cittadini aspettano da vent’anni. Ve ne approfittate solo perché avete a che fare con una politica miope e ignorante che non è in grado di sbattervi sul muso tutta la vostra insipienza, il vostro egoismo, il vostro stare completamente fuori da ogni standard occidentale di decenza.

    Ma tornarvene in Africa no?

  10. morantis says:

    sono d’accordo: organizziamoci per creare un comitato pro-parco di via statilia!

  11. Marina says:

    Comitato “forte e deciso” pro parco di Via Statilia, che è un bene comune di immenso valore, ma subito però! senza perdere altro tempo che abbiamo parlato abbastanza!!! Come si può fare ?

  12. Haber says:

    Come si puo’ fare. Ci vuole qualcuno che investa un po’ di tempo e lo faccia non è che puote fare tutto Tonelli.

Inserisci un commento



(facoltativo)