Subscribe via RSS Feed

Ma ci vuole tanto a costruire con qualità?

C’è un tizio che porta sempre gli occhiali da sole. Sembra un magnaccia kosovaro. Ha il look di un trafficante di organi del Nicaragua, in realtà pare che sia un imprenditore ammanicato che è a capo di quella cricca di maneggioni che sta cercando di realizzare entro la città di Roma un Gran Premio di Formula1. Già la notizia è folle di per se, ma è ancor più incredibile se vi si aggiunge che per ripagarsi dell’investimento (chi glielo ha chiesto?) gli imprenditori vogliono ottenere la possibilità di fare una valorizzazione immobiliare su ex campi sportivi lasciati artatamente degradarsi per poi poter dire “uh, sono un degrado, costruiamoci su delle case…”.
Ma va bene, vogliamo essere più realisti del re. Accettiamo il cemento e i nuovi palazzi. Ma c’è una cosa che non possiamo accettare, ovvero che in un quartiere che è un esempio di architettura mondiale, che quando venne realizzato catalizzò il lavoro di tutte le archistar del momento, si realizzino delle nuove edificazioni rivolgendosi all’architetto che ha realizzato l’outlet di Soratte. Quel mostro a forma di groviera che si vede dalla Roma-Firenze.
Vi rendete conto? Tutte le città del mondo fanno a gara ad avere sul proprio territorio i migliori progettisti viventi: Herzog, Piano, Nouvel, Foster, Koolhaas, Chipperfield, Zaha Hadid, CoopHimmelblau e molti altri… Noi a Roma interveniami sull’Eur chiedendo un progetto a Carlo Maria Sadich…
Ma non sarebbe anche meglio per il promotore presentarsi con un grande nome dell’architettura italiana o internazionale? Perché i nostri palazzinari oltre a regalare pessima qualità architettonica al territorio, si danno anche la più classica delle martellate sui coglioni? E’ ovvio che ogni politico degno di comprendonio rifiuterà questa porcheria, questo oltraggio all’Eur. Chi accetterà che nel quartiere dove hanno le loro realizzazioni Mazzoni, Libera, Nervi e poi Fuksas e Piano arrivino le torri di Sadich???

Share

si parla di:

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (4)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Livia says:

    Sadich? Il cognome dice tutto!!!!
    Valorizzazione de che? Spero tanto che di questo progetto non se ne faccia niente.

  2. mario says:

    Bisogna proprio essere dei “sadici” per fare una cosa del genere!

  3. sonia says:

    Sono convinta che nessuno di voi abbia mai avuto a che fare con l’Architetto Carlo Maria Sadich , che come persona è la più umile che io personalemente abbia mai conosciuto, come Architetto è particolare nel suo genere, ciò non significa che per forza il suo modo di progettare debba piacere a tutti. Dietro le sue scelte progettuali ci sono pareri di ingegneri, strutturisti, artisti di ogni genere e non sono qui a fare nomi. Da sempre sono contraria alle critiche campate in aria! Quindi mi chiedo se qualcuno di voi ha mai visto un’animazione dell’E.U.R.. ma non credo! Prima di esprimere qualsiasi giudizio poco fondato, abbiate almeno lo scrupolo ma soprattutto la curiosità di conoscere il progetto.. poi commentate pure, ma senza criticare.
    Grazie, buona giornata a tutti.
    Sonia

  4. Anonymous says:

    Senti, sicuramente questo Sadich non sarà peggio di Zaha neo peloso adid, che ha lsciato quel cesso di colata di cemento a flaminio, o di quel capo cosca di Piano, che dopo i bacherozzi dell auditorium danni peggiori a Roma non ne può fare, o di quel nulla d’uomo che ha fatto abbattere le torri dell’eur, per una roba inutili da miliardi di euro, ecc. ecc.
    Ma per favore, uno che collabora alla devastazione dell’eur, e per progettare la formula uno, è indifendibile.

Inserisci un commento



(facoltativo)