Subscribe via RSS Feed

Voola, un’aquila nel cielooo. E sticazzi?

Una città che muore di inquinamento, dove la raccolta dei rifiuti è più simile a quella di Luanda che a quella di Berlino, dove no c’è una porzione di verde pubblico che non sia nei pasticci, dove le auto sono padrone delle strade, delle isole pedonali, dei marciapiedi, delle strisce pedonali, degli scivoli per gli handicappati, dove lo skyline urbano è deturpato da 100mila cartelloni, provenienti direttamente dalla Camorra e dalla ‘Ndrangheta, installati sotto l’egida del Comune. In una città così avete letto a cosa hanno tempo di pensare gli ambientalisti?  Al pennuto che quelli daa Lazie fanno volteggiare nello Stadio Olimpico prima della partita… Avete capito quale è il più grande problema ambientale della città? Avete capito quale è il più grande nemico dell’ecosistema urbano? A Lazie!

Share

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (11)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Alessandro says:

    In effetti stavolta legambiente (e simili) hanno fatto una figura di merda. questo è proprio L’ULTIMO dei problemi…

  2. rigs says:

    a laziette è un problema

  3. Marco says:

    Divertirsi con un animale selvatico è da malati di mente.

  4. Alessandro says:

    @ Marco
    Ma che c’entra? Chi entra in un zoo ora è un malato di mente? Ancora più malate allora sono le maestre e i genitori che ci portano i bambini?

  5. sessorium says:

    Divertirsi a parcheggiare in un’isola pedonale, invece, che cosa è?

  6. Marco says:

    Oggi i moderni zoo non “collezionano” più animali selvatici, ma conservano solo le vecchie acquisizioni o i piccoli nati in cattività. E con gli animali presenti realizzano attività didattiche e ludiche, ma certo non si divertono alle spalle di animali “catturati”.

  7. Marco says:

    Per sessorium: condivido integralmente. Però divertirsi con l’aquila è stupidaggine.

  8. sessorium says:

    Non c’è dubbio che lo sia, ma vedere che ci perdano tempo gli ambientalisti, con tutti i casini che ci sono in città, ci conferma la nostra non idea, ma il nostro postulato, al nostra legge incisa e scolpita nel granito: QUESTI JE IMPORTA SOLO DI FARSI PUBBLICITA’. Diffidare, diffidare, diffidare…

  9. Marco says:

    Sì gli importa la pubblicità, ma attento a non cadere anche tu nella spirale del “benaltrismo” :)

  10. Anonymous says:

    Boh ! Incredibile ! Ma non vedete la manovra , tra l’altro ridicola, della lazio per calmare i tifosi da una campagna acquisti disastrosa ?
    Gli animalisti fanno il loro dovere ! Ma se domenica il catania scende in campo con un elefante (simbolo sociale del club) cosa diresti ?
    Speriamo non succeda qualche disgrazia, l’aquila potebbe spaventarsi, chiasso e petardi non mancano, e aggredire qualche spettatore !

  11. Alessandro says:

    Più che dell’aquila c’è da avere paura di certi “tifosi”. Quelli menano, sprangano, si scontrano con la polizia, mettono a fuoco la città, buttano motorini e lavandini dagli spalti, talvolta feriscono e uccidono altre persone, etc.
    Entrando in uno stadio si è, purtroppo, consapevoli che si possa anche non uscire. Ed è lo specchio degli abitanti di Incivilia.

Inserisci un commento



(facoltativo)