Subscribe via RSS Feed

Il must dell’autunno? Una pagnottella da Conter

Ormai lo avrete capito: ci dà una grande soddisfazione suggerire ai privilegiati lettori di questo blog gli indirizzi gastronomici più ghiotti (e più nuovi) del nostro territorio. E’ un po’ come premiarvi per la vostra fedeltà (a proposito, le statistiche di accesso fanno letteralmente impressione, dunque grazie!); è un po’ come rassicurarvi sul fatto che qualsiasi novità planerà sul nostro Rione (e dintorni) voi sarete i primi a saperlo, voi avrete la chance di poterne parlare agli amici, voi non vi farete trovare impreparati.
Ecco perché vi consigliamo, questo week end, di regalarvi un passaggio in un posticino che si chiama Conter e che ha aperto esattamente un mese fa nell’angolo tra Via Merulana e Piazza di San Giovanni in Laterano.
Una sala molto piccola con una dozzina di coperti, tavoli di varie forme e sedie scompagnate come va di moda ora, la cucina a vista, il bancone alto. Nel complesso un restauro riuscitissimo per quello che era un vecchio bar dal quale, durante i lavori di demolizione, sono saltate fuori alcune insegne di latta relative alla precedente attività: “spumanti”, “chianti in fiasco”, “pagnottelle”. Come avete detto? Pagnottelle? Sì, pagnottelle, e allora? E allora ecco l’idea. Trovata la buffa insegna i proprietari di questo nuovo laboratorio del gusto nel nostro Rione si sono messi a lavoro per realizzare la vera novità, il vero cavallo di battaglia di un locale che comunque funziona per la colazione, il pranzo e l’aperitivo (presto anche per la cena). Dopo un po’ -grazie ad un forno che ha creato buffi panini di kamut con un’unica apertura sulla testa ed un curioso “tappo”- è nata la “pagnottella”. Con un po’ di fortuna e un po’ di comunicazione sarà l’aperitivo must dell’autunno\inverno, potrete scommetterci.
Le pagnottelle vengono imbottite di goloserie cucinate dallo chef e inserite nel cuore del bizzarro panino. Amatriciana, vegetariana con formaggio, gorgonzola e zucca. Ad ognuno la sua. E ad ognuno la sua dimensione, perché c’è la pagnottella grande -che fa cena!- e quella piccina, che viene servita compresa nel prezzo (10 euro) di un aperitivo che comprende anche liberi passaggi al buffet delle torte salate e dei rustici.
Ma le caratteristiche di Conter non si esauriscono nei buoni dolci per la colazione, nel pranzo fatto di ricette semplici e -a quanto ci è sembrato- genuine e nell’aperitivo con la geniale pagnottella. Conter è anche un piccolo shop di birre artigianali italiane e internazionali (che naturalmente possono essere anche degustate sul posto, ma che portandole via costano il 10% in meno), un luogo dove comprare succhi di frutta biologici, passate di pomodoro siciliale di Pianogrillo, olio pugliese di alta qualità, pasta secca dell’eccellente pastificio abruzzese Verrigni. Ingredienti con i quali, dopo l’inaugurazione ufficiale prevista per il 26 di settembre, si allestiranno finalmente le cene gourmet.
Come ormai ci avete abituati, andateci e diteci cosa ne pensate. E buona pagnottella a tutti.

Conter – pagnottelle e vino
Piazza di San Giovanni in Laterano 64 | angolo Via Merulana

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (14)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. andrea says:

    bè 10 euro per un aperitivo non è pochissimo. che ne pensa?

  2. giovanna domenici says:

    sono d’accordo con Andrea. ho speso 10 euro per consumare un bicchiere di vino rosso (molto buono) + una MINI pagnottella. un prezzo veramente esagerato…fuori mercato e soprattutto troppo pretenzioso per il tipo di locale e zona. sono una residente del quartiere che non sopporta il degrado urbano di piazza san giovanni e dintorni. ho accolto con molto entusiasmo questa nuova realtà ma sono restata molto male nel capire che si tratta probabilmente di una delle tante operazione marketing di facciata ad alto prezzo prive di contenuto e soprattutto calore umano…uno specchio per allodole…per turisti (un po’ fessi) e basta! Che peccato l’ambiente è veramente carino, di gran buon gusto…ma se lo stile resta solo esteriore…decade con molta facilità!

  3. sessorium says:

    E’ vero, l’aperitivo è un po’ caro. Ma commisurato al contesto, molto bello, e all’innovazione della pagnottella che peraltro è ricolma di cose molto buone (qualcuno ha idea di cosa somministrano gli aperitivi a buffet, che infimo livello di qualità media ci sia anche se magari si paga 8 o 10 euro comunque?).
    Ma tutto il resto è corretto. Cornetto e cappuccino? Uno e novanta. Un caffe americano ed una eccellente fetta di torta seduti al tavolino? 4 euro. Il pranzo? Prezzi giusti per qualità eccellente.

    Imparate ad investire sulle cose buone. Risparmiando sull’assicuraizone della “maghina” e sull’abbonamento a Sky…

  4. Max says:

    Se l’aperitivo è a buffet con tanto di pagnottella allora il prezzo è in linea con molti altri locali.
    Un esempio: al Mokarabia di piazza Fiume si paga la stessa cifra ed anche lì c’è aperitivo a buffet libero con drink.
    Certo, la location è più “in” di San Giovanni/via Merulana…ma se il gap viene colmato dalla qualità…why not?

  5. Anonymous says:

    Molto caro e anche tutta questa qualità non la vedo. Max se vuoi andarci vacci pure…

  6. Kent says:

    Giovanna, non so che vino ha bevuto, ma un bicchiere di vino buono qualunque esso sia, e io credo che quello che ha preso lei fosse buono, ti viene a costare almeno 5 euro. Dunque facendo due conti 5 euro per una pagnottella non è un prezzo esorbitante.

  7. francy says:

    noi abbiamo speso 10 euro per una birra artigianale “seta” da 50 ml e due mini pagnottelle
    considerato che una birra artigianale, consumata al tavolo in qualunque locale del centro benchè più defilato, costa sugli 7\8|10 euro (5 per una commerciale cères) i costo di birra con pagnottelle lo trovo allineato.
    il locale è piccolo, piuttosto raccolto e con pochi coperti, i prodotti selezionati, per cui i prezzi non possono essere troppo economici

    il locale è piacevole e la birra squisita

    mi dicono che Giuda Ballerino faccia stesso prezzo con menù buffet di qualità e cucinato ….vi risulta?

  8. Mike says:

    io penso che se il problema è con 10 euro cosa mi danno il consigio è quello di andare ad abbuffarsi da altre parti, ma se ci si sofferma sulla qualità del cibo, sull’ambiente in cui ci si trova beh allora pagnottelle e vino tutta la vita!!

  9. anonima says:

    anche noi siamo andati pieni di curiosità. 2 pagnottelle mini, un cappuccino e un succo di frutta: 20 Euro!!!
    nessun buffet di aperitivo…un vero furto

  10. Emanuele says:

    Io sono passato per puro caso attirato dallo spazio interno.Devo dire che quando le cose sono buone e belle guardare l’euro + l’euro – non ha tanto senso. Anche perchè i prodotti sono veramente buoni e preparati con cura.
    Inoltre devo dire che le persone,sopratutto la ragazza archeologa, danno veramente amore.

  11. odino says:

    io ci pianterei la tenda!

  12. pagnottelle e vino says:

    vogliamo fare tesoro dei Vostri commenti e soprattutto delle Vostre critiche. stiamo lavorando per offrirVi una sempre maggiore scelta ad un giusto prezzo, senza nulla togliere alla qualità dei prodotti, nello stesso ambiente gradevole e raccolto.
    grazie per la fiducia che vorrete accordarci.

    lo staff di pagnottelle e vino

  13. appena stato says:

    na mezza fregatura…pagnottella fatta cn panini microspoci e comprati altrove d certo…i prezzi delle altre pietanze non proporzionati alla reale offerta del locale..carino il deign ma cm spesso accade pretenziosetto visto i limiti oggettivi che ha

  14. roberto faenza says:

    il posto è molto carino, lo staff è gradevole e la qualità di cibo e bevande ottima, lo consiglio a tutti!

Inserisci un commento



(facoltativo)