Subscribe via RSS Feed

“Neppure riusciamo a uscire di casa ormai”


Vorrei documentare con alcune foto le condizioni impossibili cui dobbiamo soggiacere per entrare ed uscire di casa. Le foto si riferiscono alle vie Principe Aimone, Statilia e San Quintino dove questa situazione perdura da almeno cinque anni, senza che nessuno se ne occupi, nonostante tutti i tentativi messi in atto da noi residenti.
Oronzo Tampone

*Degrado Esquilino volentieri riceve e pubblica questa mail. A parziale risposta al signor Tampone diciamo che Via San Quintino è tra le strade per le quali è previsto un intervento di riqualificazione grazie ad uno stanziamento regionale che, però, speriamo non si sia smarrito in qualche meandro.

Share

si parla di: , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (6)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    vado fuori tema
    Cosa ne pensate del litigio comune stato per gli introiti sul colosseo ?
    Io francamente lo trovo letteralmente ridicolo. Noi romani siamo i primi ad incazzarci quando i lombardi chiedono più soldi (o meglio chiedono che i loro soldi rimangano da loro) e poi abbiamo simili pretese. Proprio gli ex di AN sono i primi e mettere davanti lo stato e da qui gli scontri con i leghisti .
    Roma ladrona magari è esagerato….ma un pò furbona forse si.

  2. Candido says:

    Nun ie fate vedè quelle foto che questi c’hanno na soluzione radicale: abolizione totale de tutte l’alberature de Roma.

  3. Anonymous says:

    ;-)

    ti quoto .

  4. Les says:

    Candido, la tua battuta non è priva di fondamento. Mi spiego: secondo te quel cespuglio è “verde pubblico” a decoro oppure, come dico io, verde abbandonato e fonte di degrado? Bisogna decidersi: curare l’immenso patrimonio di aiuole, giardini, spartitraffico verdi e vasi ornamentali oppure decidere di eliminare parte di esso per manifesta incapacità di manutenzione.

  5. Candido says:

    Bè!a Les!
    Er mio era sfottò provocatorio, eliminare parte del verde come dici te per incapacità di manutenzione sarebbe un pò come chiudere l’ospedali perchè tanto c’hanno le liste d’attesa lunghe.
    Secondo me nun se po fa!

  6. Anonymous says:

    Io dò ragione a tutti e due.
    Quelli che sono gli alberi, di alto e medio fusto, vanno protetti in ogni modo (impiegano tantissimo a crescere) e anzi ne vanno piantati sempre più.
    In effetti invece le aiuole fiorite o peggio ancora i vasi con piante e fiori, sono una presa in giro perchè non annaffiandoli nessuno, si seccheranno dopo poco tempo e sono quindi tutti soldi buttati.

Inserisci un commento



(facoltativo)