Subscribe via RSS Feed

Mura libere

A qualcuno sembrerà roba da poco, ma si tratta invece di una bella vittoria. Peraltro di una bella vittoria dei comitati, dei blog, e delle associazioni di zona che avevano segnalato -ve lo ricorderete- la presenza di una sorta di accampamento abusivo in un cantiere soprintendenziale addosso alle mura di Porta Maggiore.
Da qualche giorno la situazione è ulteriormente migliorata (subito dopo la denuncia che facemmo al Corriere della Sera): i bandoni che rendevano la zona equivoca e facile preda di sbandati e senzatetto sono stati tolti. L’area sembra avere una luce ed un’apertura che ci eravamo dimenticati, ora manca il restauro del muro crollato tempo fa. Ma giustamente la Soprintendenza si sta preoccupando di sistemare il tratto di mura -in stato più che decente- tra Porta Maggiore e Piazza Lodi, trascurando questo pezzo così ammalorato e così sollecitato dal traffico veicolare (oltre che così visibile e dunque portatore e attrattore di degrado).

Share

si parla di: , , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (1)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Genevieve says:

    Con la scusa di inesistenti cadute di massi hanno imbustato tutte le porte delle mura Aureliane, a partire da Santa Croce. I lavori vengono eseguiti tutti dalla stessa ditta, guarda caso, non specializzata, che sta scalpellando a casaccio le superfici e deturpando, irrimediabilmente, i tratti di mura adiacenti ai fornici.
    E’ uno scempio assolutamente da fermare.

Inserisci un commento



(facoltativo)