Subscribe via RSS Feed

I successi di Pro Pup Roma, il blog che lotta a favore dei parcheggi interrati

Guardate cosa scrive oggi Pro Pup Roma. Il blog, dopo pochissimi mesi di vita, è stato “convocato” a palazzo da Sergio Marchi, l’assessore della mobilità del Comune che finalmente poteva avere un interlocutore sul tema della sosta che non fosse il comitato di cittadini che “non riqualificate la mia piazza che poi nun posso più mette la maghina sulle striscie pedonali ‘a notte“. Un bel segnale del potere e del ruolo che hanno assunto o, meglio, che stanno assumendo i blog come strumento di sollecito da parte dei migliori, più lucidi, più attenti cittadini di Roma verso l’amministrazione. Che possa davvero iniziare da qui il riscatto?

Share

si parla di: , ,

categoria: la nota

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (16)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Marcus says:

    Credo che questa sia l’unica strada.
    E’sintomatico come sempre piu’ politici vadano a sbirciare sui vari blog e forum.
    Perchè è internet (non certo i giornali) che da’il metro degli umori della gente. Ed in una democrazia, per quanto degradata possa essere, nessun governante può ignorare un gruppo di interlocutori colti, risoluti, che chiedono progressi per il bene comune.

  2. mario says:

    mmm a me i parcheggi sotterranei convincono poco, prima bisogna togliere ai romani la seconda macchina, con bike- car-sharing nelle zone dove è più difficile trovare posto, mezzi pubblici (tram!)ecc.
    poi dove c’è la necessità parcheggi per i residenti acquistati da chi ne usufrirà.
    troppi parcheggi costruiti sono rimasti vuoti non vorrei si ripeta

  3. Marcus says:

    Ma la seconda macchina gliela togli con tutti i provvedimenti che devono necessariamente associarsi alla costruzione del parcheggio interrato. Vale a dire:
    Allargamento dei maricapiedi e riduzione dei posti auto in superficie. Da cui viene anche riduzione della sosta selvaggia e del numero di veicoli privati, da cui viene traffico più fluido (anche per bici e bus) e città maggiormente vivibile per chi va a piedi o usa i mezzi pubblici.

  4. Sessorium says:

    Ha risposto Marcus: la politica sulla sosta la si fa proprio modulando con la costruzione dei parcheggi.

  5. mario says:

    boh continuo a non condividere pienamente, non vorrei solo si costruissero parcheggi che poi rimarranno vuoti. io vivo a monaco di baviera dove ci sono molti parcheggi sotterranei, dove i marciapiedi li allargano a partire dalle fermate degli autobus e il problema dei parcheggi al centro cmq rimane perché la maggioranza pur di non pagare un affitto di 60 euro al mese lasciano la (prima) macchina in strada. quindi i parcheggi li farei solo se pagati dai residenti che poi li utilizzeranno. riservare posti per il car-sharing dove mancano parcheggi sono sicuro che sia un’altra ottima cosa, per ogni auto condivisa si toglierebbero almeno 2 seconde macchine se non di più

  6. Anonymous says:

    Sessorium toglimi una curiosità, alle prossime elezioni ti candiderai ? Ci stai pensando ?
    Di idee ne hai (a volte non piacciono, altre volte si), hai intenzione di responsabilizzarti in qualche maniera (perchè quando sarai eletto , inizieranno i problemi ) ? Oppure ti senti più al sicuro dietro una tastiera di un pc…

  7. Marcus says:

    Caro Mario,
    la Germania, mi risulta è proprio uno di quei posti dove hanno lavorato moltissimo sui parcheggi sotterranei e sulle pedonalizzazioni. E’in Germania se non sbaglio che è stato realizzato quel modello di città green unico al mondo che risponde al nome di Friburgo…
    Sono daccordo certo ad incentivare anche car e bike sharing, ma il problema non si risolve se innanzitutto non togli quante più macchine possibile dalle strade. E per far questo ci vuole anche la politica dei parking comunali. Se un cittadino abita su una piazza che grazie al parcheggio sotterraneo è stata pedonalizzata e quindi i posti auto in superficie regolari o abusivi che siano) sono rimasti 3, sta tranquillo che avrà davanti solo poche scelte: andarsene, rinunciare alla macchina, oppure comperare il box auto e non certo per utilizzarlo come cantina!

  8. Sessorium says:

    Non credo proprio di candidarmi (proprio no), ma non capisco perché uno che non si candida non è uno responsabilizzato. Mi pare di essere stato piuttosto efficace in questi anni dietro la tastiera, no?

  9. Anonymous says:

    le responsabilità sono altre cose, non ti pare ? Attacchi (anche giustamente) i manifesti politici e sarebbe interessante vedere come ti comporteresti in una tua eventuale campagna elettorale . Sei stato sicuramente efficace a portar avanti le tue idee ma un conto e portar avanti un’idea e un conto e cercare compromessi per realizzarla. Alcuni non hanno capito le parole di Marchi, certo che tiene conto delle parole dei residenti…. è un politico e deve cercare concertazioni . Dietro una tastiera non incontri questi problemi, al massimo vola qualche parolaccia e finisce li .
    A me piacerebbe che ti candidassi cosi finalmente ti vediamo all’opera.

    Ovviamente parlo di una candidatura al consiglio comunale, non certo a quello municipale . Pensaci, mancano diversi anni…

  10. Sessorium says:

    A dire il vero una campagna elettorale l’ho già fatta nel 2008. Sono arrivato primo dei non eletti nella Lista Civica in cui mi sono presentato da completo analfabeta di dinamiche politiche. Ho raccolto più di cento voti senza compiere nessun abuso.

  11. Anonymous says:

    Un conto il municipio , un conto per il comune. ovvio che un consigliere municipale commetta meno abusi di uno comunale…! Tra l’altro le funzioni di un consigliere municipale sono molto limitate .
    Comunque fai come preferisci , di certo sopravvivo senza una tua elezione al comune.
    Continua a denunciare e suggerire eventuali soluzioni sui blog.

  12. benhur says:

    permettetemi di dire che l’argomento parcheggi è talmente importante, in una città come Roma, che merita la dignità di essere affrontato, anche a livello di un semplice blog in maniera seria e non accapigliandosi su altri argomenti, forse altrettanto importanti ma che non c’entrano nulla. non sono d’accordo sull’uso che state facendo di questo blog!

  13. Sessorium says:

    Aspetta, aspetta. Vediamo se ho capito bene: dunque è ovvio che un consigliere comunale, per essere eletto, debba commettere degli abusi e, segnatamente, imbrattare e umiliare la stessa città che egli chiede di governare. Ho capito bene?
    Se ho capito bene, mi racconti in quale altra città d’Europa, durante le campagne elettorali per il rinnovo del Consiglio Comunale, accadono degli abusi sulle affissioni?

  14. Anonymous says:

    Prometto che dopo questa risposta seguo il consiglio di benhur…

    no non è ovvio, semmai è ovvio che un consigliere municipale non commetta abusi (per via del minimo spazio e delle minime funzioni, solitamente si limitano ad aizzare le palazzine per ogni cosa e prendersi meriti che non hanno : la famosa equazione DC, le cose si sistemano da sole… ). Le passate elezioni comunali ho fatto campagna elettorale per un conoscente, niente abusi (per quello che ne so io ), e ovviamente non è stato eletto . Comunque il mio era un invito sincero , candidati !

  15. mario says:

    boh non conosco la situazione a friburgo ma qui molti parcheggi li lasciano vuoti (ne hanno fatti troppi forse) anche perché la macchina non si usa spesso e quindi se si parcheggia un po più lontano non è un problema. io nel dubbio li farei acquistare prima, mi pare a milano abbiano fatto qualcosa del genere

  16. mario says:

    in particolare quelli del centro (tipo da noi pincio, o gianicolo) che consentirebbero di pedonalizzare il centro. qui li hanno fatti ma nessuno si sogna di andare al centro in macchina avendo i mezzi. per le bici i parcheggi non bastano mai invece

Inserisci un commento



(facoltativo)