Subscribe via RSS Feed

Come sistemare Via Sommeiller

C’è un po’ di maretta nel processo di riqualificazione di Via Germano Sommeiller. Il cantiere è stato compiuto a regola d’arte e con dovizia e velocità (mancano in realtà ancora le orecchie sull’altro lato di Via Santa Croce in Gerusalemme e l’isola salva-strisce pedonali in mezzo alla stessa via), ma alla resa dei conti si sono palesati dei problemi non debitamente previsti che tuttavia sono ampliamente risolvibili.
Il primo problema è quello delle strisce di parcheggio a terra. Gli operai sono venuti a realizzarle quando la segnaletica verticale (che loro hanno l’ordine di seguire, giustamente) ancora non era stata completata. Il risultato? Via Sommeiller ha visto un intero lato trasformarsi da striscia blu a striscia bianca: occore ripristinare quanto prima la sosta tariffata laddove ora ci sono strisce bianche a pettine.
Il secondo problema è quello dei cassonetti. Il senso unico ad entrare da Via Grattoni e ad uscire da Via Sommeiller (i tanti lettori di Degrado che ci seguono da fuori zona ci scuseranno) ha determinato per i mezzi dell’Ama l’impossibilità di caricare i cassonetti che si trovavano a quel punti tutti sul lato sinistro della strada. Si dà il caso che gli automezzi Ama carichino sul lato destro e i cassonetti, ahinoi, sono stati spostati al posto dei parcheggi. Peraltro andando ad annullare quelle poche strisce blu rimaste in zona.
Come risolvere? In realtà  è piuttosto semplice. Sarebbe sufficiente invertire l’anello a senso unico: le auto dovrebbero entrare da Via Sommeiller e uscire da Via Grattoni (quest’ultima peraltro è -ora che non ospita più il doppio senso- molto larga e una fila dei suoi parcheggi andrebbero trasformati da “in linea” a “a pettine”, recuperando diversi posti auto). I cassonetti potranno essere risistemati al loro posto (oggi una fila di secchioni “decora” la nuova orecchia tra Via Toti e Via Sommeiller, che ovviamente sta già subendo la devastazione dei cigli in travertino) e l’unica sistemazione in termini di segnaletica che si dovrà fare sarà quella dell’inclinazine dei parcheggi a pettine orientandoli nel nuovo senso di marcia. Si dovranno tra l’altro aggiustare solo gli stalli di Via Toti in quanto quelli di Via Sommeiller avrebbero comunque dovuto subire un intervento di correzione essendo stati, come dicevamo sopra, dipinti erroneamente di bianco.
Insomma con pochissimo si può sistemare definitivamente la situazione, ci auguriamo che il Municipio si muova tempestivamente: prima che i manufatti si deturpino e prima che i cittadini (per fortuna siamo in estate e c’è tempo. E tra l’altro la segnaletica per ora è attaccata ai pali con lo scotch, non scherziamo…) si abituino a dei sensi di marcia che vanno necessariamente invertiti. Con la consapevolezza di tutti che la situazione venutasi a creare è l’ennesimo flop degli Uffici Tecnici del Primo Municipio, che sempre più si configurano come una palla al piede della buona amministrazione del territorio. Felici di essere smentiti…

Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. un'abitante di S. Croce!!! says:

    Perchè si da per scontato che via Grattoni non sia + a doppio senso? c’è anche l’entrata da via Statilia attraverso le mura, io passo sempre da lì sopratutto ora che il semaforo è mezzo rotto, ora funziona il verde ma non si vede il rosso.
    poi i cassonetti andranno cambiati per una raccolta differenziata fatta a dovere come nel resto d’Italia, e anche come fanno a trastevere, con contenitori per l’umido, il secco, carta plastica vetro e alluminio. e lì saranno un altro paio di maniche e forse anche il mega camion d’immondizia sarà meno frequente.
    comunque queste orecchie non mi piacciono per niente: mi sembrano pericolose tanto valeva chiudere la strada e farla diventare pedonale del tutto.
    Grazie.

  2. sessorium says:

    Attenzione, il passaggio sotto l’acquedotto andrà ASSOLUTAMENTE chiuso a breve. Ovvero quando inizieranno i lavori per la realizzazione del Parco di Via Statilia.

  3. bond says:

    Magari un bel parco è quello che ci vuole per riqualificare finalmente la zona. mancherebbero poi solo i marciapiedi vicino via sessoriana e una bella tinteggiatura ai condomini di via S.Croce che è una vita che gli inquilini non ripuliscono, spendeteli due soldi che fanno pietà!!!

Inserisci un commento



(facoltativo)