Subscribe via RSS Feed

Il solito tram tram su Via Manzoni

Il vizziaccio di trattare i cittadini come sudditi, nel mondo occidentale e civilizzato, via via rimarrà solo all’Italia. Altrove la comunicazione e la tecnologia ha messo amministratori e amministrati su livelli paritetici: tu fai, io so cosa fai. Tu progetti, io sono consapevole di quello che proporrai. Tu apri un cantiere, io so per filo e per segno di che si tratta, cosa si realizzerà, in che tempi e con quale fine ultimo. Non in Italia dove i cartelli di cantiere sono geroglifici e dove la programmazione urbanistico-architettonica, laddove vi fosse, è nascosta, celata, imperscrutabile.
La situazione romana è ancora peggiore e vessata da un sito web istituzionale che sarebbe risultato vecchio 15 anni fa e che ci fa vergognare non solo rispetto alle città straniere, ma anche nei confronti di praticamente tutte le metropoli italiane (da Napoli a Milano non c’è un sito del comune così osceno come il nostro). Una vergogna che, però, pur eredità delle giunte di sinistra, non è interessata a riforme, modifiche, cambiamenti e progetti di aggiornamento.
Tutta questa premessa per dire cosa? Per dire che ci fa rabbia sapere così dai giornali e dai lanci di agenzia che Viale Manzoni, da Via Merulana a Via Emanuele Filiberto, verrà a giorni smembrata stile Via Marmorata per sostituire le rotaie del tram. E ci fa ancora più rabbia aver visto a lavoro gli operai per la messa in esercizio della linea di alimentazione aerea, sempre del tram, senza essere riusciti a sapere da nessuno:

a. quando il tram tornerà nel nostro Rione
b. perché si sostituiscono le rotaie
c. quale è il progetto di rifacimento delle stazioni di Viale Manzoni
d. come è andato a finire il contenzioso con il costruttore dei convogli che ha lasciato nei depositi decine di tram di produzione Alstom

In una città civile tutte queste cose sarebbero nel sito del comune o del municipio, con renderings, foto, dettagli delle spese, tempi di realizzazione e ragguagli sulla progettualità pubblica dell’amministrazione.

Share

si parla di: , , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (7)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. 9 Gennaio 1900 says:

    questo era il governo dell’informatizzazione delle pubbliche amministrazioni….
    Il sito fa schifo, non è aggiornato, ci sono link non funzionanti ed agli indirizzi email pubblicati non risponde quasi mai nessuno

  2. kenpachi1 says:

    Caro Degrado, il contenzioso Alstom si è risolto nel giugno 2007 con un accordo extragiudiziario: prevede la restituzione di 2-4 tram Cityway I e II al mese, a partire dal 2008. A giudicare dai tram che vedo passare, sembra che le restituzioni procedano. Speriamo di riavere il parco tram al completo per il 2010.

    Mi preoccupano i lavori a Manzoni. Non vorrei che facessimo il tris dopo via Labicana e via Marmorata – a proposito lì hanno finito, mancano le banchine – per i soliti quattro cocci.

  3. Anonymous says:

    Il sito del Comune è troppo brutto per essere vero.
    E va detto che è peggiorato con la nuova giunta Alemanno, mi ricordo bene che il sito con Veltroni era un buon sito e obiettivamente i migliori grafici e web-designer se ne sono andati con l’ex sindaco.
    —–
    A parte le tante critiche su Veltroni, bisogna dire che la sua giunta curava molto la comunicazione con i cittadini.
    E’ anche per questo che mi è dispiaciuto che non abbia utilizzato il suo potente ufficio stampa per la famosa campagna anti-degrado che chiedo da tempo. – Les

  4. Anonymous says:

    Figuratevi che se andate sul sito dell’assessorato all’ambiente… gli articoli più recenti sono di febbraio 2008 e l’assessore é ancora Dario Esposito!
    O aggiornano il sito o lo tirano giù, così risparmiamo un po’ di soldini.

    http://www.assessoratoambiente.it

    Mamaa

  5. 9 Gennaio 1900 says:

    Veramente mi pare che il sito sia rimasto immobile (contenuti e grafica) da anni…

  6. Stè says:

    Nel frattempo i lavori su Viale Manzoni vanno avanti, e indovinate? le vibrazioni sono AUMENTATE. Incredibile ma vero, se passate di li la sera tardi o la mattina presto, quando i tram tornano al deposito, noterete che entrambe le direzioni delle rotaie rifatte generano vibrazioni evidentissime. Nella direzione Colosseo, poi, sembra ci siano proprio degli "scalini" a distanza costante che generano dei "colpi" notevoli. Spero siano problemi che verranno tolti in degli ipotetici lavori "di finitura", altrimenti sarebbe un nuovo scandalo di lavoro indecente con soldi pubblici.
    Ma chi li fa i collaudi?

Inserisci un commento



(facoltativo)