Subscribe via RSS Feed

Dissuasori e Sciagure

Ma allora si può fare. Non siamo alla perfezione, perché i dissuasori dovrebbero essere ancora più prossimi alla carreggiata visto che così lo spazio per qualche smartista purtroppo rimane, tuttavia il salto di qualità è evidente: i parcheggi per le due ruote diventano veri parcheggi per due ruote. E speriamo che questo esempio, in Piazza della Pilotta e purtroppo non all’Esquilino, diventi esempio per tutta la città. Specialmente da noi dove la truffa legalizzata di Sergio Marchi su strisce blu, bianche e spazi per scooter non ha fatto altro che garantire nuovi posti auto gratuiti sull’aumento degli stalli per le dueruote che si è palesato nel nostro Rione in seguito del folle riassetto della sosta di qualche mese fa.
Tra l’altro, e questo con la complicità dei rappresentati locali del Pdl che hanno opposto a questo scandalo un assordante silenzio, la Sciagura (a noi è sempre parso un soprannome più che adatto) che siede all’Assessorato alla (Im)Mobilità, ha preso per il bavero la popolazione di Esquilino e Monti promettendo, dopo i primi giorni di disastrosa sperimentazione, che le strisce bianche in questi Rioni di cintura rispetto alla ztl e dunque utilizzati come parcheggio di scambio, venissero riservate ai residenti. E’ ormai storia di mesi e mesi fa. I cittadini -ché la colpa è anche loro, visto che si fanno letteralmente fare di tutto- se ne sono dimenticati, i politici locali fan finta di niente e l’assessore ha raggiunto il suo scopo: far parcheggiare a scrocco -come non succede in nessunissima città al mondo- quella (riteniamo consistente) fetta burina e supercafona del suo elettorato di commercianti e impiegati pubblici fannulloni che si farebbero sparare pur di prendere la metropolitana.
Non solo le strisce bianche non sono state riservate ai residenti, come promesso, ma non è mai esistita (sfidiamo il comune a darci i dati su questa specifica infrazione) alcuna multa rispetto al disco orario che dovrebbe limitarvi la sosta-a-ufo a tre sole ore. Il risultato nelle nostre strade è evidente a tutti: molti componenti dell’elettorato bifolco di cui sopra sono stati invogliati a venire a lavoro in macchina grazie alla nuova possibilità di fare marameo agli ausiliari della sosta (l’unica cosa che funzionava è stata ovviamente massacrata) semplicemente parcheggiando in doppia fila dalla parte opposta della carreggiata. Si vedono automobili lasciate per ore laddove non si erano mai viste a memoria d’uomo. Il traffico è aumentato in maniera patetica. Ma gente come Sergio Marchi sa bene che un voto di un cittadino per bene che viene in ufficio con la metropolitana e un voto di un cittadino buzzurro che parcheggia il fuoristrada sulle strisce valgono esattamente lo stesso. Il voto di una insegnante che arriva a scuola a piedi vale uguale al voto di un commerciante che parcheggia aaamaghina in tripla fila davanti alla bottega. Questo è il dramma della democrazia quando la classe dirigente è sciagurata e in cattiva fede. A tutto ciò si aggiunge la presa per i fondelli della moltiplicazione dei parcheggi per i motorini, che non essendo protetti come quelli che vi mostriamo in foto, sono tutti (tutti!) alla mercé delle macchine dell’elettorato di cui sopra. Ci domandiamo, tuttavia, a cosa serva il livello di governo locale, insomma: il Municipio, se non ad intervenire su storture di questo tipo. Se non a correggere un assessore che per fare favori alla lobby dei commercianti ed a quella dei prepotenti, danneggia un intero territorio.
Cari consiglieri Municipali, Comunali, cari Assessori pensate davvero che tutti i cittadini si siano dimenticati della promessa di riservare le strisce bianche ai residenti formulata ad ottobre, ripetiamo: ottobre, del duemilaotto? La presa per il culo della cittadinanza ha un limite oppure ufficialmente non ce lo ha?

Share

si parla di:

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (6)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Dandy (in pausa pranzo) says:

    Ciao Sessorium, vorrei darti il benvenuto:

    a) in democrazia

    b) nel mondo della scarsità delle risorse della Polizia Municipale

    c) nelle lobby di commercianti e assessori, con logiche e meccanismi che conosciamo tutti

    d) nella mentalità della gente, che sta imparando questi meccanismi e adotta gli stratagemmi da te esposti

    Un caro saluto! Ciao!

  2. sessorium says:

    Dandy non mi trattare da Alice in the wonderland!!! La situazione la conosco, qui su Degrado Esquilino cerchiamo di guardarla però in maniera laterale e non rassegnata. Sottolineando sempre, perché è questa la chiave, come tale situazione sia presente SOLO DA NOI, SOLO DA NOI e ancora SOLO DA NOI.

  3. Anonymous says:

    Mi par di comprendere che su questo argomento i nostri politici cheppure spesso commentano, non se la sentono di dire la loro eh…

  4. Kafiero says:

    Hai ragione DEgrado. La gente se si rendesse conto che questo stato di cose non è LA NORMALITA’ allora si che inizierebbe a protestare e allora gli amministratori…..

  5. Anonymous says:

    Perchè del motorino bianco,arruginito ed abbandonato in Piazza Manfredo Fanti nessuno dice niente? La cosa è stata segnalata per ben due volte alla polizia municipale ed il motorino è ancora lì(è legato con una catena ad un palo)

  6. sessorium says:

    Oggi stavano rimuovendo scooter abbandonati a Piazza Vittorio angolo Via dello Statuto. O forse semplicemente stavano facendo spazio al potentissimo ambulante che li, ignobilmente, staziona.

Inserisci un commento



(facoltativo)