Subscribe via RSS Feed

Che il cantiere non termini a Termini

Si chiamano oneri concessori o opere a scomputo. E alle volte sono la salvezza di amministrazioni di prossimità come i municipi. Qualche esempio? Bhe, il Municipio II, quello degli eleganti Parioli. Lì il Comune ha dato il permesso ad alcuni imprenditori, negli anni scorsi, di costruire garage e parking sotterranei, e le aziende per risarcide la collettività dei disagi, delle polveri, della gran confusione creata da cantieri infiniti per definizione hanno pagato. Gli oneri sono stati assegnati al Municipio che ha avuto mandato di spenderli nei dintorni dell’intervento, ad esempio rifacendo marciapiedi. Per piccoli parcheggi da pochi milioni di euro di stanziamento, insomma, già si è riusciti a fare qualcosa. E dunque immaginiamoci cosa si potrebbe fare se la nostra amministrazione di prossimità, il Primo Municipio, si imponesse nella riscossione nella gestione degli oneri concessori per quanto riguarda due grandi cantieri che sono in partenza sul nostro territorio. Il grande Parcheggio-Pistra sopra la Stazione Termini e il restyling del nodo di scambio, sempre a Termini, tra la MetroA e la MetroB sono due ‘mostri’ relativamente da 80 milioni e da 63 milioni. Per un totale di 143 milioni. Disagi, lavori eterni, inquinamento acustico, interruzioni di servizio. Bene, ben vengano i grandi cantieri: ma qualcuno sta pensando a come verranno ricompensati i residenti dell’Esquilino?
Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Quando dite che ALemanno fa poco, tenete presente che il passato sindaco deve sistemare gli errori della passata giunta, ieri il TAR ha annullato il piano regolatore veltroniano approvato in zona cesarini….e a quanto pare con poca osservanza della legge !
    Ora dopo aver salvato il pincio, dopo aver revocato appalti con il prezzo gonfiato (10 volte di più rispetto Firenze) deve pensare al piano regolatore !
    Alemanno fa poco….? Bah

  2. Marcohilo says:

    Si è ancora in tempo per decidere una cosa del genere? Vorrei sbagliarmi, ma mi sembra più logico che le opere a scomputo vadano “patteggiate” in sede di gara d’appalto…

    E poi, si sa qualcosa sulla data di inizio dei lavori?

  3. sessorium says:

    Altroché se è più logico. E speriamo che l’abbiano fatto, anche se temo che…

Inserisci un commento



(facoltativo)