Subscribe via RSS Feed

Scavi eleniani

E piantatela con questa storia che non credete ai vostri occhi. Perché è tutto vero. Verissimo come l’oro. Torniamo indietro di qualche mese: Agosto 2007. Quanto tempo fa? Cinque mesi, forse qualcosa meno. 150 giorni, ad esser buono. Ecco quanto è durato il nuovo asfalto posato durante la scorsa estate in Via Eleniana.
A dispetto del nome piuttosto sconosciuto, Via Eleniana è un tracciato che decine di migliaia di romani percorrono ogni giorno, poiché è quel tratto di strada che collega gli archi di Porta Maggiore a Santa Croce in Gerusalemme. Insomma una traiettoria obbligata per chi, ad esempio, arrivando dalla tangenziale tramite lo Scalo San Lorenzo vuole andare verso il quartierone di San Giovanni, o l’Eur e via dicendo.
Dunque una via sotto pressione. Bhe, ma quale via sottopressione al mondo crea una voragine di oltre dieci metri dopo 100 o 150 giorni dalla posa dell’asfalto nuovo di zecca? Dove sono visibili tali crepacci in un asfalto appena posato e probabilmente lautamente pagato? Chi paga? Chi è responsabile? Lo stesso Assessorato ai Lavori Pubblici che sta portando avanti lavori assolutamente cervellotici (come abbiamo segnalato mille volte) a Via Santa Croce in Gerusalemme e che ha già degradato -consegnandola definitivamente al suo ruolo di boulevard della china town- Via Conte Verde. Ecco la risposta.
Share

si parla di: , , ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (3)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Propongo che qualsiasi incidente venga fatto in zona lo si addebiti a questa buca e si chieda rimborso al comune… Se ricevono qualche centinaio di richieste danno forse iniziano a smetterla di usare ditte ridicole per fare i lavori.

  2. KAfiero says:

    Bhe se nessuno lo dice lo dico io: NON CI POSSO CREDEREEEEEEEEEEEEE, siete scandalosissimi.

  3. sessorium says:

    IMPORTANTE SEGNALAZIONE
    Riscontriamo con enorme piacere una odierna comunicazione a Degrado Esquilino da parte di Giuseppe Lobefaro il quale ci promette di segnalare la cosa, tramite una lettera, all’Assessore D’Alessandro e ci significa di essere d’accordo con la nostra analisi. Ottima notizia.

Inserisci un commento



(facoltativo)