Subscribe via RSS Feed

Il quiz del mercoledì. Le sedie di Santa Bibiana

Il quiz del mercoledì. Cosa caspita è questa concrezione di sedie, transenne, ringhiere multicolore che se ne sta, da sempre, in una piccola radura abbandonata (ne esistono nei centri storici di qualche altra capitale civilizzata?) tra la ferrovia Roma-Pantano e la grande muraglia dela Stazione Termini? Siamo proprio di fronte a Santa Bibiana, un’opera sublica di Gianlorenzo Bernini che se fosse in Svizzera o in Olanda sarebbe il primo monumento nazionale e che da noi sembra un condominio di periferia, con tanto di graffiti tutt’intorno.
Ma torniamo al nostro indovinello: cosa sono e a cosa servono queste sedie recintate?
Share

si parla di: ,

categoria: articoli

Segnala questo articolo via e-mail

Commenti (8)

Trackback URL | Feed RSS dei commenti

  1. Anonymous says:

    Nessuno risponde nessuno sa niente.. passando ho visto alcuni uomini (bangladesh)che sistemavano queste sedie.. però non passandoci molto spesso ho pensato a qualcosa di temporaneo.. ma!!! mistero!!!!
    L’ennesima vergogna.

  2. Anonymous says:

    Questo è il rione di nessuno ma il rione di tutti coloro che non sanno dove andare.. magari sono sedie per gli ospiti!!!!!!!!!!!

  3. Kafka says:

    Ahhaaha, bellissima l’idea delle sedie per gli ospiti. Io ci sono passato ora DAL VIVO, ma non capisco proprio cosa possa essere… AIUTTT

  4. melozzo2000 says:

    E’ uno spazio che è stato messo a disposizione dal I Municipio per il Ramadam. Peccato che questo sia terminato ad ottobre e le seggiole siano ancora là a fare bella mostra. Nelle settimane scorse apparivano anche stranissime suppellettili sempre accuratamente coperte dai solerti banglad… boh, insomma dai nativi del Bangladesh !

  5. sessorium says:

    Eureka, dilemma risolto. Grazie al solerte lettore che in poche ore ci ha tolto d’impaggio. Nella speranza che altrettanto solerte sia il Municipio, cui immediatamente invieremo segnalazione.
    GRAZIE

  6. Anonymous says:

    A titolo informativo.. il giorno 25/12/2007 siamo passati proprio a santa bibiana e c’era tanta gente del bangadesh che sostava tra le famose sedie in più avevano messo un’ombrellone dove c’era un tizio con tanti con dei plichi e questq persone facevano la fila per firmare..
    insomma ora ci chiediamo??? verranno tolte queste benedette sedie oppure no?? s’impadronoiscono di aree e nessuno fa niente.. ma quando toglieranno la testa da sotto la sabbia??!!

  7. Anonymous says:

    oddio!! le terranno per capodanno.!!

  8. Petra says:

    La questione immigrazione viene sempre limitata al rispetto delle nostre leggi, ma il problema è a monte.
    Se anche arrivassero solo immigrati educatissimi e rispettosissimi, sarebbero troppi da un pezzo.
    Il flusso continuo di immigrati in Italia, caso unico al mondo, viene favorito dalle istituzioni per tre ragioni: la prima è che l’Europa dà un sacco di soldi al governo per tenersi questa patata bollente; la seconda è che questa ondata di manodopera a basso costo, polverizza i salari degli italiani e favorisce gli industriali, che diventano sempre più ricchi a scapito di operai, camerieri e muratori; la terza e principale, è la corruzione delle istituzioni che assecondano la grande criminalità internazionale.
    Ma per primi sono colpevoli coloro che assumono stranieri nei propri esercizi commerciali o come badanti; che acquistano manifatture di paesi sfigati; che non si oppongono col voto e con la vita quotidiana allo scempio che si va facendo di questo povero paese.
    Cominciate a disertare i negozi con personale straniero, a controllare le etichette di manifattura, a non andare con prostitute ragazzine, in lacrime sulla Salaria, per gli amanti del genere, a non drogarvi, e comincerete a stroncare alla radice il bengodi che si è creato per questo sistema indegno.

Inserisci un commento



(facoltativo)